Home / Di tutto un pò / MOLINI LO PRESTI, la “Porta del mare” diventa un pericolo per la pubblica incolumità!

MOLINI LO PRESTI, la “Porta del mare” diventa un pericolo per la pubblica incolumità!

Questo pomeriggio, intorno alle 16.15, si è reso necessario l’intervento con un autoscala del locale Distaccamento dei Vigili del fuoco per il pericoloso rischio di caduta di vetri degli infissi fatiscenti del prospetto dell’edificio dei Molini Lo Presti di Via dei Mille. Un tratto della strada, nel cuore del porto di Milazzo, è stato interdetto al traffico con la viabilità controllata dagli agenti della Polizia municipale che hanno provveduto a chiudere la zona dove è ubicata la struttura, ed i Vigili del Fuoco sono riusciti a far cadere ulteriori parti pericolanti per poi ripristinare in sicurezza l’area. Il complesso immobiliare comunale, dichiarato bene culturale dall’assessorato regionale di competenza, versa da diversi anni in uno stato di totale abbandono, oggetto delle controversie delle varie amministrazioni comunali e l’autorità portuale. In passato più volte ci furono altri interventi del 115 per cedimenti strutturali con la caduta di calcinacci, e come in questo caso, per fortuna, non si registrano danni alle persone.

MA QUANTO DEVE DURARE QUESTA FORTUNA? POSSIBILE CHE DOBBIAMO AFFIDARCI ALLA DEA BENDATA PER ESSERE TUTELATI NELLA NOSTRA SALUTE?

Nell’ultimo crollo di pezzi di intonaco nell’aprile 2020 al Comune fu elevato un verbale dallo stesso Corpo dei Vigili urbani in base all’articolo 30 del Codice della strada, come previsto dalla normativa, a carico del rappresentate legale pro tempore. Resta comunque la seria minaccia, insidia costante per l’incolumità pubblica, di un immobile che necessita di una bonifica e o di un restauro immediato prima che sia troppo tardi e per evitare danni fisici irreparabili ai passanti.

Nel luglio 2020, alla fine del mandato, la giunta Formica e la Camera di Commercio di Messina presentarono un intervento da 18 milioni di euro al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per rilanciare i Molini Lo Presti e dare finalmente attuazione al progetto della “Porta del Mare” che da sempre ha rappresentato un auspicio da parte della cittadinanza. Una richiesta di finanziamento nell’ambito del programma di azione e coesione complementare al Pon “Infrastrutture e reti” 2014-2020. Di queste somme, 8 milioni dovrebbero essere assegnati al Comune mentre la rimanente parte (10 milioni di euro) sarebbe frutto di un contributo dei privati.

Ma tutto questo passa in secondo piano di fronte alla sicurezza della cittadinanza e di qualche sventurato turista che potrebbe essere vittima di un altro crollo accidentale! Fra qualche giorno le transenne saranno rimosse da qualche ignoto, i nastri biancorossi saranno strappati dal vento, e tutto tornerà come prima… anzi peggio di prima! Che Dio ce la mandi buona: solo chi lo sa non transiterà sul marciapiede di via dei Mille… 

 
 
 
Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.