Home / Satira / Non c’è più COVID!

Non c’è più COVID!

Una battuta che furoreggiava dopo la chiusura delle case chiuse, a seguito dell’approvazione e dell’entrata in vigore della legge Merlin, fu “Chiuse le stalle, tutte le vacche fuori”! Non approfondiamo l’argomento ma chi ha una certa età ricorda benissimo… 

Ma i giovani non lo ricordano: per cui ci conviene puntare sul COVID quando ci troviamo di fronte a situazioni anomale con le mucche (o le vacche) a spasso per le strade… Inutile stare ad attendere le variazioni dei colori: zona rossa, o arancione, o gialla, per loro non esistono limitazioni; e nemmeno l’assembramento produce effetti. Non è la prima volta che lo scriviamo, e non siamo solo noi a sostenere la tesi secondo la quale loro, animali a quattro zampe, sono i più attendibili testimoni che NON C’E’ PIU’ COVID!

E a tal proposito, ecco una nuova puntata dell’invasione libera di bovini a spasso: è accaduto ieri pomeriggio nella riviera di ponente, precisamente nei terrapieni in località Torretta al confine con il ponte di Calderà, a ridosso dell’arteria che collega Milazzo a Barcellona, o se preferite, Barcellona a Milazzo!

Uno tra i più attivi fotografi dei social network immortala una consistente mandria di mucche che marcia lenta e compatta seguendo come unica bussola l’istinto. Come al solito, sono ignote le cause per cui gli animali vagavano senza guida, e non è la prima volta che quella transumanza è una condizione di pericolo. Ma a nessuno viene in mente di risalire ai proprietari, chiedendo una maggiore attenzione.

Come al solito, allo stupore ha fatto seguito anche il timore, e parecchi automobilisti in transito sulla riviera di Ponente si sono preoccupati per una possibile invasione dei ruminanti della carreggiata, con conseguenti rischi per la circolazione viaria. Pur trattandosi di una razza erbivora mansueta che non necessita della sorveglianza costante del pastore, i bovini possiedono un campo visivo limitato quindi il loro pascolo pacifico potrebbe rivelarsi insidioso per l’incolumità pubblica. Diverse volte nelle varie fasi della pandemia, l’arenile di Ponente è stato interessato dalla fuga incontrollata di animali, in alcuni casi richiedendo l’intervento urgente delle forze di polizia e del servizio veterinario locali. A questo punto, visto che appare difficile scongiurare questa frequente “invasione”, sarebbe da sperare che l’ente proprietario della strada (che a sua volta girerà la palla al comune) faccia installare una segnaletica apposita: ATTENZIONE, MUCCHE AL PASCOLO. RALLENTARE. 

 
 
Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.