Home / Comunicati / NUOVI POSTI DI LAVORO IN FARMACIA
Italpane

NUOVI POSTI DI LAVORO IN FARMACIA

farmacia

NE SARANNO ISTITUITE 222 IN TUTTA LA SICILIA. 19 IN PROVINCIA DI MESSINA.

Il concorso straordinario per l’assegnazione di 222 sedi farmaceutiche in Sicilia è realtà! L’Assessorato Regionale della Salute – Dipartimento Regionale per la Pianificazione Strategica, Servizio 7 – Farmaceutica – ha avviato l’iter per la definizione del concorso invitando i comuni siciliani a fornire informazioni in merito alle situazioni definite in fase di previsione. Queste le suddivisioni delle sedi in ambito regionale: Trapani (17); Palermo (73); Messina (19); Agrigento (16); Caltanissetta (9); Enna (2); Catania (48); Ragusa (21); Siracusa (17). In provincia di Messina le sedi a concorso sono ad Acquedolci, Barcellona (Gala), Basicò, Brolo, Capo d’Orlando, Frazzanò, Giardini, Librizzi, Messina (3 sedi a Gesso, Salice, faro Superiore), Milazzo (2, una a Ciantro San Paolino, un’altra nella zona di Olivarella, fra Botteghelle e il torrente Floripotema), Pettineo, Roccafiorita, Sant’Agata di Militello, Santa Teresa di Riva, Spadafora, Villafranca Tirrena (a Calvaruso). Sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana Serie Speciale Concorsi n. 1 dell’11/1/2013 sono pubblicati gli elenchi completi e le modalità per accedere al concorso. Un commento, alla fine di questa nostra carrellata: ringraziamo la Regione Sicilia per i posti di lavoro, che permetteranno a molti giovani di entrare nel mondo del lavoro, in tutta la Sicilia e anche nella nostra provincia. Ma vorremmo ricordare che la partecipazione al concorso prevede dei requisiti fondamentali, quali la laurea specifica. Signori che avete preparato il bando e tutto il resto, la prossima volta non scrivete che la partecipazione è aperta a tutti i cittadini la cui età è compresa tra i 18 e i 65 anni se poi richiedete la laurea. A 18 e forse anche a 20 anni non ci sono laureati in farmacia! Così scrivendo create solo false illusioni… Scusateci, ma noi queste cose le notiamo, e ve le diciamo! 

Rispondi