Home / Di tutto un pò / OCCHIO A QUESTE FOTO: C’E’ QUALCOSA CHE NON VA…
Italpane

OCCHIO A QUESTE FOTO: C’E’ QUALCOSA CHE NON VA…

 SIAMO A MILAZZO, IN VIA SAN GIOVANNI. ALLA STRADA E’ STATO INVERTITO IL SENSO DI MARCIA, DA OVEST VERSO EST. E SONO STATI APPOSTI DEI SEGNALI… MA SONO ANCORA VALIDI?

Il DIVIETO di FERMATA è un segnale di PRESCRIZIONE, e la sua collocazione vieta la sosta e la fermata o, comunque, qualsiasi volontaria temporanea sospensione della marcia del veicolo (qualsiasi tipo di veicolo, anche autobus o taxi). Quello che è stato posto all’inizio della via San Giovanni, a Milazzo, nel tratto che da via Giorgio Rizzo immette verso la via dei Mille, ossia nel porto, proprio nella rotatoria, ha eliminato di fatto una quindicina di parcheggi. In presenza di questo segnale non si potrebbe fermare nemmeno con la bicicletta, e l’arresto del veicolo è consentito solo in casi di forza maggiore (esempio tipico del luogo, l’intasamento del traffico!). In più, il segnale è valido 24 ore su 24, senza alcuna deroga. In caso di non osservanza del divieto è sempre disposta la rimozione forzata del veicolo.

Perchè tutto questo preambolo, trascurando altri interessanti aggiunte che sembrano superflue? Perchè dalle foto scattate, che vi sto inviando, qualcosa stride con quanto contenuto nel Codice: la sosta riservata a chi deve recarsi in farmacia! Anche se per 15 minuti, quella sosta è illegittima! A meno che non sia il preludio per la rimozione della segnaletica di divieto di fermata, su ambo i lati, per restituire ad una dozzina di automobilisti la possibilità di parcheggiare. C’è un altro segnale posto all’inizio della strada, ossia il divieto per gli autocarri di percorrerla! Probabilmente non vale per certi veicoli che, alle ore di pranzo, ci transitano ma solo per sostare, in piena curva! Provare per credere: un autocarro adibito alla rimozione di materiali ferrosi, con tanto di armamentario per sollevare i pesi! Cosa avete da dire? Grazie per la pubblicazione.

RISPOSTA: Potrebbe trattarsi, come hai detto, del primo passo verso l’eliminazione del segnale di divieto! Non pensiamo che chi ha disposto l’apposizione del segnale di sosta riservata abbia commesso un errore così madornale! 

Rispondi