Home / Un saluto agli amici... / PEPPE LO DUCA, PARTITO UN MESE FA…

PEPPE LO DUCA, PARTITO UN MESE FA…

IL 14 SETTEMBRE CI LASCIAVA IMPROVVISAMENTE IL DOTTOR GIUSEPPE LO DUCA, NOTO PROFESSIONISTA DELLA NOSTRA CITTA’. ATTONITI, ABBIAMO COMUNICATO IN POCHE, ESSENZIALI PAROLE LA SUA SCOMPARSA, UNENDOCI AL DOLORE DEI SUOI CARI. Peppe, stimato e benvoluto da tutti, è stato salutato da una moltitudine di amici e conoscenti, che ancora oggi non si sono rassegnati alla sua partenza… Ad un mese da quel triste giorno vogliamo ricordarlo con una poesia che Francesco Iannucci ha pubblicato per salutare l’amico che condivideva con lui l’amore per la vela… 

Me ne sto sulla riva del mare, una nave apre
le vele alla brezza del mattino
e parte per l’oceano.
E’ uno spettacolo di rara bellezza 
e io rimango ad osservarla
fino a che svanisce all’orizzonte
e qualcuno accanto a me dice: “E’ andata!”.
Andata! Dove? E’ sparita dalla mia vista:
questo è tutto.
Nei suoi alberi, nella carena e nei pennoni
essa è ancora grande come quando la vedevo,
e come allora è in grado di portare
a destinazione il suo carico di esseri viventi.
Che le sue misure si riducano fino
a sparire del tutto è qualcosa
che riguarda me, non lei,
e proprio nel momento in cui qualcuno
accanto a me dice: “E’ andata!”
Ci sono altri che stanno scrutando il suo arrivo,
e altri voci levano un grido di gioia:
“Eccola che arriva!”.
E questo è il morire.

Ciao Peppe, amico velista
Un abbraccio a Mariuccia e Lula

La foto scelta per ricordarlo ritrae Peppe attento a fissare la rotta, pronto a sfidare le tempeste o le avversità, a sentire sul suo volto la brezza, a cogliere nel volo degli uccelli la presenza di una terra vicina, attento a non distrarsi, a governare con saggezza e decisione quella barca sulla quale sta affrontando un lungo viaggio… Nella struggente poesia, pubblicata da Francesco Iannucci, che non ci stancheremo mai di leggere, avremo mille motivi per riflettere, pensare, illuderci… Per convincerci che anche Peppe, partito all’improvviso, come spesso fanno i naviganti che hanno dato tanto a questa città, al timone di quella imbarcazione, con la bandiera al vento, sta solcando i mari per sparire all’orizzonte, e riapparire a chi, dall’altra parte del globo, lo aspetta e lo vede sempre più vicino.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.