Home / Di tutto un pò / PIAZZA NASTASI ABBANDONATA A SE STESSA! QUALCUNO VUOLE ADOTTARLA?
Italpane

PIAZZA NASTASI ABBANDONATA A SE STESSA! QUALCUNO VUOLE ADOTTARLA?

SEMBREREBBE CHE IL CUSTODE SIA STATO COLLOCATO A RIPOSO, PER CUI IL DEGRADO E LA SPORCIZIA STANNO PRENDENDO IL SOPRAVVENTO. LE FOTO CHE CI SONO STATE INVIATE SONO ACCOMPAGNATE ANCHE DA UNA RICHIESTA: “NESSUNO PENSA DI ADOTTARE QUELLO SPAZIO VERDE?”…

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO:

Gentile Direzione, molti milazzesi amano scattare foto e pubblicarle sui social network per documentare angoli caratteristici della città e autoconvincersi che tutto va bene! Ogni tanto qualcuno scatta delle foto a ciò che invece dovrebbe essere denunciato senza mezzi termini, e allora apriti cielo! Costoro vengono accusati di non amare la propria città, di diffondere immagini che, nonostante rappresentino la realtà, mettono in cattiva luce il patrimonio che ci ha lasciato madre natura, addirittura di denunciare situazioni di degrado e di squallore che una città come la nostra, che vorrebbe vivere di turismo, non dovrebbe conoscere. E spesso quelle foto sono scattate e pubblicate SOLO PER STIMOLARE l’attenzione nei confronti di un bene pubblico! Non tanto facilmente si trovano siti web disposti a dare spazio a foto compromettenti, a causa del contenuto chiaramente di denuncia nei confronti di chi sembra non accorgersi di ciò che ci circonda. Ma allora che facciamo? Pubblichiamo solo i tramonti, la distesa di azzurro, le barche di Vaccarella, la baia del Tono (ma solo se non ci sono rifiuti), i fichi d’India, le palme (quelle che devono ancora essere attaccate dal punteruolo rosso) o il lungomare? Stamattina ho voluto scattare delle foto a piazza Nastasi: siamo in pieno centro, e non si dica che il degrado e la trascuratezza colpisce solo la periferia! Vi prego di pubblicarle, non tanto per denunciare l’abbandono da quando (mi è stato detto) il custode è andato in pensione; quanto piuttosto per richiamare l’attenzione dei mecenati sulla necessità di adottare un angolo di verde! Farlo con un’aiuola è semplice. Ma Piazza Nastasi penso che meriti più di un’aiuola, e se il comune non riesce a trovare un nuovo custode, le immagini pubblicate (spero che le pubblicherete!) sono ben poca cosa rispetto a quel che può diventare la villa giorno dopo giorno. Grazie per l’attenzione. 

RISPOSTA DIRETTA: Ci potremmo pensare noi di TERMINAL. Per dare lavoro a qualcuno, e soprattutto per garantire uno spazio verde ai tanti bambini che cercano un posto dove poter giocare! Eviteremmo inoltre l’accesso alle persone poco raccomandabili in orari serali e notturni! Vediamo cosa ne pensa la Redazione, e le promettiamo che ci attiveremo per richiedere al Comune l’assegnazione dell’area verde! 

1 Commento

  1. Carissima Redazione, per una volta, sono contrario all’idea da Voi proposta. Questa moda dell’adozione di un angolo della città, soprattutto dalle nostre parti, potrebbe avere risvolti poco simpatici. Intanto il comune, che tanto sembra latitare nella gestione semplice del suo mandato, che fa? Continuiamo a rimanere come tanti fessi nel limbo dell’ignoranza acquisita. Siamo in bancarotta, non lo siamo, ci stiamo entrando, ci entreremo…..? Possibile che nessuno abbia le palle, almeno quelle politiche, di dire: il comune è fallito. I commissari son venuti appositamente per l’amministrazione semplice e tutto si risolverà con la procedura di legge. Ma, visto che siamo a Milazzo, nessuno parla e nessuno racconta. Piazza Nastasi è uno dei tanti luoghi andati a pu….ne, per incuria, inciviltà e mancanza di un piano, minimo, di sicurezza e decoro. Chi dovrebbe adottarlo? Qui non sentono l’autorità costituita, figurarsi dei privati che si accollerebbero gli oneri, tutti, ed onori, pochi e silenziosi, dell’impegno. Pulire e mantenere il decoro. Sembra cosa facile a Milazzo. Ci son persone che gettano cartacce a terra, li riprendi e si girano incazzatissimi perché non sei nessuno e “io faccio come minchia mi pare!” Questa è la nostra città. D’altra parte in capo all’amministrazione, di solito, si manda chi ci può rappresentare, e se i cittadini, tanti, ma non tutti, son cosi, fatevi due ragionamenti conseguenti, sulla città e i suoi rappresentanti. Le tasse in città sono altissime, rispetto al beneficio ottenuto, e sollevare l’amministrazione da un onere pagato, lo trovo diseducativo civicamente. Una città è fatta di persone, e sarebbe cosa buona e giusta, che tutti si lavorasse verso il bene comune. Ma non lo vedo. Siamo arrivisti ed incazzosi, e certe “delicatezze sociali”, come l’adottare un’aiuola o un giardino, lasciano il tempo che trova. Mi spiace che tanto amore per la propria città, si debba scontrare con l’assuefazione al disordine ed al caos; mi spiace che tante teste e braccia, pronte a spendersi per la propria terra, debbano sbattere contro il nulla amministrativo e civico. Questa cosa la trovo giusta nel mio profondo, ma vivendo la città, mi trovo assolutamente contrario ad una azione del genere. Probabilmente mi attirerò le ire di qualcuno…..pazienza, me ne farò una ragione. Grazie, come sempre, per l’ospitalità

Rispondi