Home / Società / PROPOSTE DI UN LETTORE PER I PARCHEGGI E PER LA VIABILITA’
Italpane

PROPOSTE DI UN LETTORE PER I PARCHEGGI E PER LA VIABILITA’

Parcheggi-a-pagamento-mezza-marcia-indietroUN COMMENTO PUBBLICATO IERI DIVENTA GIA’ UNA RISPOSTA ED UNA PROPOSTA… SAREBBE OPPORTUNO DIALOGARE PER CAPIRNE DI PIU’!

Accolgo la disponibilità a chiacchierare del problema traffico a Milazzo. Viaggio tanto per lavoro, ed automaticamente paragono la nostra realtà con le altre. Milazzo, detta in due righe, la dividerei per zone (A,B,C ecc.ecc) Ogni residente, anzi nucleo familiare ha diritto ad un pass per la zona di appartenenza (salvo in cui ci siano parcheggi riservati già esistenti es. condomini ecc); come anticipato 1, max 2, per famiglia, per evitare comunque un sovraccarico formale. Ogni permesso gestito con pagamenti annuali di 40/50 €. Questo pass darebbe spazio a stalli dedicati nelle zone ricadenti le lettere di appartenenza. I residenti che dovessero per vari motivi utilizzare l’auto per spostarsi in altre zone della città, dovrebbero parcheggiare nelle strisce blu, con tariffe agevolate che sarebbero gestite da parchimetri o da lettori ottici o, addirittura pagamenti tramite cellulare con addebito, come ho visto ultimamente. Se i controlli, in tempo reale tramite addetto, verificano la mancanza del pagamento, multa immediata. Dobbiamo dare carta libera ed immediata ai controllori, altrimenti ci ritroviamo degli addetti che passeggiano inutilmente per la città. Gli ex Galileo, si possono organizzare in cooperativa e concorrere al bando della gestione stradale. Anche se propendo per l’assunzione (grazie anche alle quote del pass per zone cittadine) di nuovi ausiliari o stabilizzare altri addetti solo ed esclusivamente a questo scopo. I non residenti vanno agevolati in parcheggi seriamente organizzati e seriamente mantenuti, al limite della città. Se vogliono entrare in centro, alzare la tariffa minima e con un max di sosta di un paio di ore. Per coloro che vanno alle isole, abbonamenti in zone limitrofe al centro (anche perdecongestionare il centro cittadino) e navette che li aiutino ad arrivare al porto. Gli stalli a pagamento son troppi, e le tariffe esagerate. I festivi, praticamente ovunque, non si pagano. Perché da noi è cosi complicato? Dal lunedì al sabato si paga sino alle 20,00; dalle 20,01 alle 07,59 del giorno dopo, gratis. La domenica ed i festivi non si paga (i giorni di festa se devi far pagare anche chi vuole venire in centro vuoi la morte della città). I lavoratori che arrivano al lavoro in centro vanno agevolati, come dice Ciccio D’Amico. Con tariffe mensili dedicate ma che non siano valide nei festivi o le domeniche. Per evitare che sfruttino senza motivo un permesso legato ad altre motivazioni. Scusami se ti ho sommerso di parole ma desideravo essere chiaro, sperando di esserlo stato.

Ultimi appunti. Da altre parti i possessori di garage non possono usufruire di parcheggi riservati ai residenti in quanto posseggono già dove far sostare l’auto di notte, sarebbe interessante capire quanti a Milazzo posseggono un garage e lo usano come magazzino occupando spazi che altrove farebbero scattare la multa. Seconda cosa, a Vaccarella case popolari sostano da diversi mesi, forse un paio di anni, due auto con la scritta “guasta“; sono usate come ripostiglio, son senza assicurazione e ferme da tempo. Sono un danno ambientale oltre che un problema di carattere normativo. E come queste ce ne sono tante altre. 
In attesa di riscontro. Buon pomeriggio

Rispondi