Home / Un saluto agli amici... / PUCCIO DI NATALE, TRE MESI FA…

PUCCIO DI NATALE, TRE MESI FA…

pucci di nataleUN COMMOSSO PENSIERO DELL’INSEPARABILE FRANCO CAMBRIA…

Ciao, Puccio. Non ci vediamo, ma ci sentiamo. Forse ci sentiremo ancora più spesso, ora che gli impegni terreni non ci sono più… Per grazia di Dio avremo modo di sentirci profondamente, alleggeriti dalla piccole storie mortali…

Era finita la politica; e le ideologie, crollate con il muro, hanno lasciato spazio ai fondamentalismi e al dilagare dei peggiori egoismi, senza che una nuova cultura possa ricreare o rilanciare un futuro più umano, più civile, più degno delle nuove generazioni. Siamo piombati nella barbarie, e ci consoliamo con il PIL e altre diavolerie economiche, roba senza valori, senza etica, senza speranze…

Ti sei dedicato alla tua famiglia, alla tua campagna, agli affetti veri che sembrano pochi agli occhi dei più, di chi usa il mondo e lo getta via; quel mondo nel quale si trova il peggio di ciò che siamo, di ciò che viviamo. Il mondo è questo…

Sarebbe stato tempo perso battersi… se non fossimo stati quel che siamo, se non ci fosse Dio, la fede in Dio che ci è stata donata dai nostri genitori, dalle nostre famiglie, dalle persone che sono già da tempo lassù. Con l’aiuto della fede abbiamo condiviso le bellezze e le avversità della vita, belle e meno belle, tante e diverse: perchè la vita è questa! 

Ma la vita è anche un percorso breve, non facile. Non importa quanto esaltante essa sia stata, ma quanto sia piena e degna di Dio, nella Sua immensa pietà, senza doversi vergognare al Suo cospetto e confidando nella Sua misericordia. 

Dio vede tutto, sa tutto. Non abbiamo mai fatto male, né tanto meno voluto il male di qualcuno, anche se la fragilità umana ci ha portato spesso a fare scelte sbagliate. Dio ci perdoni, e forse ci ha già perdonato, Puccio. Ma quanto giusta e ben vissuta è stata, proprio per aver mostrato di aver difeso il nostro essere.

Noi siamo e saremo sempre frutto del nostro pensiero libero, del nostro animo buono, della nostra fede in ciò che Dio ci ha donato, per cui ne siamo fieri.

Hai condiviso tutto questo con le tue adorate Gabriella e Genevieve.

Sarai sempre nei loro cuori, nei nostri cuori, vivo e più forte di prima…

Arrivederci, Puccio….

Rispondi