Home / Comunicati / PULIZIA E DECORO NEL PORTO DI MILAZZO

PULIZIA E DECORO NEL PORTO DI MILAZZO

Porto di MilazzoCHIUSURA DEL PORTO? PERCHE’? ECCO LA VOCE QUALIFICATA DEL COM.TE MARIO SCIOTTO, PER SAPERNE DI PIU’ E PER INTERVENIRE SU CIO’ CHE SPESSO NON SI VEDE …

La protesta di alcuni consiglieri comunali nei riguardi dell’Autorità Portuale intenzionata ad isolare il porto dalla città mi ha portato a condividere quanto ipotizzato dal suddetto ente. Infatti tutti i porti di una certa importanza al pari degli aeroporti, delle stazioni ferroviarie, delle metropolitane sono dei punti di arrivi e partenze e pertanto strutture sensibili da proteggere contro eventuali atti di terrorismo. Purtroppo queste misure di prevenzione limitano l’uso della struttura interrompendo nel caso del nostro porto l’antico legame che lo ha unito alla città. Sono lontani i tempi in cui per i milazzesi il porto era il proseguimento della passeggiata a mare, il luogo in cui negli ex magazzini comunali si esercitava la banda musicale del comune, il luogo da cui scavalcando un muretto si assisteva alla proiezione di film nei locali del Diana, il luogo in cui facevamo i bagni tuffandoci dalla banchina, il posto in cui ogni domenica giocava la squadra locale di pallanuoto con la gente che assisteva dalla banchina, il luogo in cui intere famiglie di sera andavano a pescare consumando una frugale cena, e potrei ancora continuare sull’argomento. Ormai è una questione di sicurezza e quindi bene fa l’autorità Portuale a recintare il porto permettendo l’accesso ai soli addetti ai lavori. La protesta dei consiglieri comunali dovrebbe essere indirizzata all’Autorità Portuale per segnalare il degrado in cui versa la recinzione del porticciolo turistico attualmente fatiscente tenuta in piedi con mezzi di fortuna e con le fioriere ridotte a pezzi. Uno spettacolo veramente indecoroso alla vista dei turisti che sbarcano dalle navi passeggeri o che devono raggiungere le Isole Eolie con le navi di linea. La sede municipale è molto vicina a tale recinzione, pertanto basterebbe uno sguardo più attento da parte dei consiglieri interessati per notare lo stato di abbandono in cui versa la struttura realizzata circa 15 anni fa con materiale di scarsa consistenza. Per quanto riguarda l’ andamento dei lavori per la costruzione della nuova banchina, noi del “Comitato grande porto” prendiamo atto che i lavori proseguono regolarmente e che per la fine dell’anno in corso i lavori potrebbero essere ultimati. Pertanto raccomandiamo ancora una volta a chi di competenza di predisporre un proficuo utilizzo delle nuove banchine in modo da acquisire nuovi traffici e quindi nuove opportunità di lavoro per risolvere almeno il problema dei portuali attualmente in esubero.

Com.te Sciotto Mario

Rispondi