Home / Società / “QUO VADO?”. AL CINEMA, E LASCIO LA MACCHINA QUI…
Italpane

“QUO VADO?”. AL CINEMA, E LASCIO LA MACCHINA QUI…

SOSTA IN AREA PEDONALEVERGOGNOSO COMPORTAMENTO DI DECINE DI AUTOMOBILISTI, SUL LUNGOMARE GARIBALDI…

I vigili non c’erano, e ormai la cosa è pubblica! Per cui ne hanno approfittato decine e decine di automobilisti che hanno preferito parcheggiare nel pomeriggio di ieri sul Lungomare Garibaldi, in barba alle disposizioni di legge, al buon senso, e forse fottendosene altamente dei milazzesi che rispettano i segnali. Come inizio d’anno non c’è male, poteva andare peggio. Ma quel che si chiede il lettore che ci invia la foto è una sola: Fino a quando? Che tradotto in latino potrebbe trovare il corrispettivo in “quo usque tandem, Catilina, abutere patientia nostra?” con cui Cicerone inizia la I Catilinaria… Invece la risposta, sempre in latino, è una sola: “QUO VADO?“, sintetica e molto espressiva. Nel senso che tutti quei signori scesi allegramente dalle auto andavano al cinema, per impinguare le casse di Zalone e C, mentre sarebbe stato più opportuno che impinguassero anche le casse del Comune di Milazzo, perchè una contravvenzione sarebbe stata la migliore risposta alla loro strafottenza. Fino a quando? Già, fino a quando saremo costretti noi a sopportare queste corna a casa nostra? Perchè, stando alle testimonianze di chi ha scattato la foto e ha assistito alle scene che si susseguivano, non erano certamente di Milazzo gli automobilisti che hanno superato sbarramenti, strisce pedonali ed altro per accedere nell’isola pedonale. E la sua sicurezza gli viene dal fatto che, rilevate tutte le targhe, ha voluto saperne di più… E pensare che qualcuno si era scandalizzato del fatto che la notte del 31 sarebbero venuti vigili di altri comuni a mantenere l’ordine e fare viabilità… Se questa fosse la migliore soluzione, non di vigili di altri comuni avrebbe bisogno Milazzo,  ma dell’esercito! 

1 Commento

  1. Che molti milazzesi e non (non diamoci le colpe che non sono nostre, una tantum), hanno scoperto il regno di bengodi!
    Andiamo a Milazzo, i non residenti non pagano, non fanno multe se parcheggi dove non puoi, insomma….i porci comodi sono tollerati!
    Che situazione incredibilmente triste. La città dovrebbe essere commissariata per incapacità operativa. Cosa diavolo ci vuole a gestire un bando per l’acquisto di parchimetri (i percorsi formali ed amministrativi devono essere organizzati….lo capisco), piazzarne una 40na in città e liberare i vigili a fare multe su multe ai trasgressori?
    I residenti organizziamoli per zone…..solo cosi si potranno reperire i fondi per tenere in piedi l’amministrazione e non fare fallire, anche politicamente, una città che non riconosco più!
    MI sembra incredibile assistere a questo scempio e i miei 50 anni mi rendono incredulo di fronte a tanta incapacità organizzativa. Disorganizzazione allo stato puro. Fa male vedere una città in questo stato. Non metto da parte la dose, bella forte, dei milazzesi che si comportano male, anzi malissimo. Ma è proprio li che interviene l’amministrazione; quando non ci arriva il cittadino, le leggi e chi le deve far rispettare intervengono. Ma siamo lontani mille miglia dall’idea di città amministrata decentemente. Siamo al caos totale; e credo che il debito, con conseguente taglio di servizi, sia un problema relativo. Andate a Parma a vedere cosa hanno fatto. Un debito di oltre 500 milioni di euro, tagliato drasticamente senza perdere in servizi ed assistenza, anzi recuperando strutture e dando maggiori servizi ai bisognosi. Ma ci vuole la capacità politica amministrativa per fare questo. Probabilmente il problema è tutto qui.

Rispondi