Home / Un saluto agli amici... / RICORDO DEL SIGNOR BOTTARO…

RICORDO DEL SIGNOR BOTTARO…

Aveva compiuto il 10 agosto 98 anni, il signor NATALE BOTTARO. Sì, avete letto bene, proprio 98. E quando lo avevo conosciuto di anni ne aveva cinquanta di meno, questo signore del quale avevo perso le tracce da tantissimo tempo. Veniva a Milazzo ogni giorno, con la sua Fiat 128, se non ricordo male, ad accompagnare il figlio Antonello, alunno del Liceo Classico G. B. Impallomeni, ma i viaggi continuarono anche negli anni successivi, perchè gli toccò anche fare il pendolare con la figlia Mariella, alunna della stessa scuola. Ed è stata proprio Mariella che, stamattina, mi ha telefonato dandomi notizia dell’ultimo viaggio di papà. “Ha compiuto pochi giorni fa il suo 98° compleanno – mi ha detto – e siamo riusciti a festeggiarglielo. Era a letto, le sue condizioni di salute non erano ottimali. Stanotte mi sono messa accanto a lui, sulla poltrona, per fargli compagnia. Ma sono stata vinta dal sonno. Mi ha svegliato Antonello, a sua volta svegliato di soprassalto dal latrare insistente dei cani. Ha pensato che quell’abbaiare potesse essere un segnale… ed ha temuto che papà se ne fosse andato per sempre. E’ venuto in camera, ha controllato, e mi ha svegliato. Papà era andato via, serenamente“.

Un racconto che emoziona, quello che ha sintetizzato Mariella Bottaro, che assieme al fratello Antonello piange papà. E avermi chiesto di ricordare, su TERMINAL, papà, emoziona anche me. Non ci sono solo i ricordi degli anni di scuola, quando il vento della contestazione giovanile spirava forte anche sul Liceo Impallomeni, ed io ero, assieme ad Attilio Andriolo, il leader del 68. Dovrei ripetere per il signor Natale Bottaro quel che ho scritto, tempo fa, per il dottor Formica, papà di Lilla. Anche lui era preoccupato per i giorni di “vacanza” forzata che il figlio era costretto a fare: non si contavano gli scioperi, anche per un nonnulla, e ciò non giovava alla formazione scolastica degli alunni, ragazzi di poco più di 14 o 15 anni! Ma per fortuna Antonello non dava preoccupazioni ai suoi familiari, ed era in grado di recuperare quei giorni di “assenza” studiando e recuperando! Nonostante fosse uno degli alunni più studiosi del Liceo, Antonello Bottaro aveva anche una spiccata propensione per la corsa, e il professor Nunzio Nastasi si ritrovò un velocista eccellente, che assieme a Tanino Oliva, diventato successivamente urologo di fama, portò in alto il nome del Liceo Classico e fornì un apporto considerevole alla Nino Romano che schierò una staffetta 4 x 100 che non aveva rivali. Il quartetto veniva integrato da Totuccio Patti e dal compianto Franco Scolaro, e il ricordo delle loro vittorie rimane sempre vivo in chi ha praticato ed amato l’atletica leggera. Ma i viaggi del signor Bottaro, papà di Antonello, erano destinati a continuare: da casa a scuola, da scuola a casa; da casa ai campi di atletica leggera, e così via! Divenne ben presto conosciutissimo, questo papà accompagnatore, che seguiva il figlio nelle gare e nelle trasferte, un po’ come avrebbe fatto qualche anno dopo il nostro Vincenzo Salmeri con le figlie. E la foto che Mariella ha voluto che pubblicassi lo riprende al campo di atletica della G.I., il glorioso EX GIL di Messina, mentre effettua una premiazione! Una delle poche foto che in quegli anni si scattavano, e che lui, il signor Natale Bottaro, papà di Antonello, alunno del Liceo Impallomeni e campione di atletica leggera, papà di Mariella, alunna anche lei del Liceo Impallomeni, ha voluto conservare fra i suoi ricordi più belli. Ricordi semplici, che riaffiorano in noi ragazzi di ieri e commuovono. E questo saluto, che non è altro che un ricordo personale del signor Bottaro, spero che possa essere conservato fra i ricordi dei figli, che oggi piangono il loro papà, e che da domani potrà essere una testimonianza di affetto nei confronti di un uomo leale, sincero, buono e generoso, buon padre di famiglia e soprattutto amico di quegli anni che hanno caratterizzato la mia adolescenza! 

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.