Home / Sport / Ricordo di TURUZZO CENTO

Ricordo di TURUZZO CENTO

BIOGRAFIA DI UN CAMPIONE

Nato a Milazzo nel 1932, si era diplomato all’ISEF di Bologna, passando di ruolo come docente di educazione fisica nel 1957, all’ITIS di Gallarate. Direttore Tecnico del gruppo sportivo, venne assunto nel 1960 dal Collegio Rotondi di Gorla Minore (VA). Con i due gruppi sportivi raggiunse i massimi vertici nazionali di atletica leggera, risultando al 1° e al 3° posto nel 1973 e addirittura al 1° e al 2° posto l’anno successivo! Proprio nel 1974 l’ITIS Gallarate realizzò il record italiano nella staffetta 4 x 100 ancora imbattuto,  mentre negli 80 hs Marco Pozzi eguagliò il record di un certo Eddy Ottoz! In qualità di preparatore atletico seguì diverse discipline sportive, fin dal 1959, anno in cui, nel campionato di calcio di Promozione, curò i giocatori della Cassanese che a fine stagione si piazzarono al 1° posto. Da quell’anno e per moltissimi anni ancora diede il suo contributo ad altre formazioni, tra le quali la Pro Patria, che vincerà il campionato di Serie C, del Messina, del Nola, della Casertana, del Catania, dell’Aquila, mentre fu osservatore per conto del Bari e dei Peloritani, quando la squadra militava in serie B. Particolarmente attivo anche in altri sport, allenò nell’atletica leggera la Pro Patria di Busto Arsizio, per cinque anni la Pro Patria Milano, una delle più forti compagini nazionali, quindi la SNAM San Donato; nella pallacanestro, la squadra femminile della Ceramica Forlivese, che disputò il campionato di Serie A; nella pallamano il TACCA di Cassano Magnano, che disputò un campionato in serie B e due in serie A; nel nuoto, la Bustese di Busto Arsizio; nel ciclismo fu il primo a preparare atleticamente i ciclisti professionisti, fin dal 1969, introducendo anche in quello sport una concezione diversa rispetto al passato, fatto di risultati esaltanti per lo sport nazionale, frutto soltanto di forza fisica e non di preparazione. Di tale sua innovazione la Gazzetta dello Sport gli dedicò un articolo, nel 1973, a firma di Sergio Meda. Rientrato a Milazzo senza però riuscire a staccarsi dal suo ambiente, fornì un contributo indispensabile nel campo della preparazione atletica, fatta principalmente di sacrifici e di tecniche da affinare costantemente, per raggiungere risultati di levatura nazionale o internazionale. Anche se si avviava verso il traguardo dei 90 anni, passava ore interminabili della sua giornata a dispensare consigli e studiare tabelle di allenamento per chi riteneva giusto affidarsi ad un professionista! Il professor CENTO fu insignito del PREMIO TERMINAL SPORT 2011, assieme ai grandi dello sport milazzese.

Turuzzo CENTO si è spento a fine gennaio. Una figura come la sua mancherà alla città di Milazzo ed allo sport. 

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.