Home / MILAZZO / SAN FRANCESCO, una nuova teca per la statua donata durante gli anni 40 dai MOLINI LOPRESTI

SAN FRANCESCO, una nuova teca per la statua donata durante gli anni 40 dai MOLINI LOPRESTI

Nel libro ALTRO GIRO ALTRA CORSA abbiamo dedicato un capitolo ai MOLINI LOPRESTI, e pubblicato un episodio accaduto in occasione di una processione di San Francescio da Paola: 

“Un episodio legato al Mulino Lo Presti, avvenuto nel periodo della seconda guerra mondiale, è stato raccontato dai padri ai figli; e a costoro è stato affidato il compito di tramandarlo alle generazioni successive. A me è stato raccontato da uno degli ultimi dipendenti del Mulino, Franco Impellizzeri. La domenica della processione di San Francesco, una delegazione di operai si recò dal commendatore Francesco Paolo Lo Presti per chiedere di fermare gli impianti per poter partecipare all’evento. La sua risposta fu perentoria: “Non mi interessa, continuate a lavorare…”.

Nel pomeriggio, appena la statua di San Francesco in processione fu fatta sostare davanti al Mulino, l’asse del motore principale dell’impianto si ruppe, con la conseguenza che la produzione si bloccò per una settimana. All’evento la gente volle dare un significato miracoloso, come se il Santo avesse voluto dimostrare la sua grandezza e punire la superbia di don Chicchino (questo era il nomignolo con cui veniva chiamato il commendator Lo Presti). Ma si poteva trattare solo di una curiosa coincidenza, per cui ci voleva un’altra prova per sconfiggere lo scetticismo del proprietario: durante i bombardamenti, una bomba si incastrò tra i macchinari del mulino senza esplodere. Era il colpo definitivo che scosse il commendator Lo Presti, il quale si premurò ad acquistare una statua di San Francesco, che pose su un piedistallo di marmo nel salotto adiacente alla direzione. E da quel momento diede disposizione perenne che il giorno della processione fosse dedicato alla venerazione del “Santo Padre”, termine con cui i milazzesi chiamano il Santo di Paola. La statua rimase al suo posto fino al 1997, anno della chiusura dei Molini Lo Presti. A seguito della gentile concessione del curatore fallimentare, fu donata dalle maestranze al Santuario di San Francesco”.

Ecco, questa la storia della statua del Santu Patri che i fedeli possono venerare nel Santuario, e custodita in una nuova teca.

Sì, amici lettori, proprio nuova! Oggi abbiamo ricevuto una lieta notizia, che farà piacere ai cittadini milazzesi e a tutti coloro che del Santo di Paola sono devoti. L’iniziativa è stata di un gruppo di ex dipendenti dei MOLINI LOPRESTI, che hanno consentito il restauro della stessa statua, e la costruzione di una nuova teca, grazie alla devozione di Fabio Risitano, che ha l’hobby la del bricolage. Ricordiamo che la realizzazione della statua di San Francesco fu commissionata dal comm. Lopresti al Maestro Colella di Acireale, negli anni antecedenti alla fine del secondo conflitto mondiale.

Un grazie di cuore agli appassionati e devoti ex dipendenti del vecchio Mulino, per il pregevole lavoro effettuato e per il regalo ad una città che è legata a San Francesco.

 

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.