Home / Di tutto un pò / SCUOLA: TUTTI PROMOSSI, ANCHE GLI ASINI!
Italpane

SCUOLA: TUTTI PROMOSSI, ANCHE GLI ASINI!

scuola degli asiniSI OFFENDE QUELLA LEGALITA’ TANTO DECANTATA, CHE DOVREBBE ISPIRARE IL VIVERE CIVILE E LA SOCIETA’. A QUESTO PUNTO, INUTILE DARE IL VIA AI PROGETTI PER RICORDARE FALCONE, BORSELLINO E TUTTI I CADUTI PER DIFENDERE LA LEGGE E LE ISTITUZIONI! MEGLIO EVITARE QUELLE MANIFESTAZIONI IPOCRITE DI FINE ANNO ORGANIZZATE CON LA COMPIACENZA DI UNA CLASSE POLITICA INCAPACE DI GOVERNARE IL POPOLO… 

Lo aveva scritto in più occasioni il nostro prof. Giovanni Muscolino, risentendosi profondamente per i cambiamenti avvenuti nel mondo della scuola e per le promozioni REGALATE anche a chi per tutto l’anno scolastico non aveva raggiunto NON SOLO L’INSUFFICIENZA, ma non aveva partecipato alla vita scolastica! A distanza di anni c’è chi se ne accorge solo adesso (magari lo sapeva da tempo, ma non ha osato protestare…) ed allora prende carta e penna e scrive una lettera che viene pubblicata da www.orizzontescuola.it, e che noi portiamo a conoscenza dei nostri lettori. Ognuno può fare le proprie riflessioni. Non vorremmo incorrere nelle critiche di coloro che hanno insufficienze e meritano la bocciatura, o peggio ancora dei loro genitori, per i quali deve essere la scuola a farsi carico dei figli! Anche se “ogni scarrafone è bello a mamma soje”, non è detto che quegli asini possano un giorno diventare CAVALLI. Anzi, non ricordiamo che si sia verificato, nei secoli, una trasformazione nel mondo equino! Insomma, visto che per molti è difficile comprendere anche le battute, chi è ASINO lo rimane per sempre! Anche se gli viene regalata la promozione dalle decisioni di un governo insufficiente…  

– Sono stati recentemente varati dal Consiglio dei Ministri otto dei nove decreti legislativi che accompagnano la legge della “Buona Scuola”, o meglio della “Mala Scuola”. Tra questi decreti c’è quello che riforma l’Esame di Stato nella scuola secondaria di I grado e nella scuola secondaria di II grado. Viene, di fatto, eliminata la prova Invalsi e viene data la possibilità all’alunno di essere ammesso all’Esame di Stato anche se possiede insufficienze in alcune materie e non più la sufficienza in tutte le discipline. Con questo metodo, praticamente l’alunno si porterà dietro lacune che non saranno mai colmate e che quindi incontrerà difficoltà all’Università nella produzione scritta e nel calcolo matematico. Con ciò torniamo di nuovo a dare man forte all’appello lanciato dai 600 docenti universitari e 85 linguisti, in quanto non sarà in grado di colmare le lacune.

L’Esame di Stato, in questo modo perde di valore e significato riducendolo ad una vera e propria passeggiata davanti alla commissione che deve solo certificare se l’alunno possiede le conoscenze di base e le competenze e se non le possiede…va bene lo stesso: può essere ugualmente promosso. La scuola si ritroverà a certificare la “beata ignoranza di Stato”, ovverossia si fornisce all’alunno il passpartour per andare avanti anche se non sa nulla.

È, davvero abominevole pensare di eliminare de facto la bocciatura dalle scuole primarie, dal momento che alla scuola primaria non si bocciava quasi più, ma toglierla anche dalla scuola secondaria di I grado con l’inciso di circoscriverla ai casi eccezionali è davvero scandaloso! Rappresenta una vera e propria mazzata per la scuola italiana e per la classe docente che viene ancora di più sminuita del suo ruolo sociale.

Gli alunni si troveranno autorizzati dallo Stato a sbeffeggiare, picchiare, deridere con l’appoggio dei genitori che diventano ope legis conniventi dei propri figli e quindi legalizzati a compiere atti di teppismo e aggressione nei riguardi del personale docente che si troverà inerme e con le armi del tutto spuntate nel dover difendere la propria reputazione e dignità.

Per non parlare poi della composizione della commissione d’esame che al primo ciclo d’istruzione sarà presieduta dallo stesso Dirigente Scolastico della Scuola e da una commissione di docenti interni per quanto attiene l’Esame di Stato della scuola secondaria con il solo presidente esterno. C’eravamo accorti da tempo che gli esami conclusivi dei cicli d’istruzione erano ormai una pagliacciata, ma con questa riforma si sancisce inequivocabilmente che gli esami non servono proprio a nulla se non a riempire tante carte inutili di voti e giudizi fantascientifici. E le pagelle che non conterranno più i voti ma le lettere dell’alfabeto con giudizi. Ora ci eravamo abituati ai voti e voilà si torna indietro con lo scopo ben preciso di non mortificare e traumatizzare l’alunno perché un conto è scrivere due, tre quattro sulla pagella, altro conto è scrivere “l’alunno non si è impegnato per l’intero anno scolastico, anche se nell’ultimo periodo ha fatto registrare un lievissimo miglioramento” e, quindi con un aggettivo si compie il miracolo di salvarlo dalla paventata bocciatura. Con questa riforma così concepita si andrà a produrre un livellamento delle conoscenze che mette sullo stesso piano lo studente preparato e quello che per un intero anno ha scaldato solo il banco.                                                                                 Mario Bocola

 

1 Commento

  1. Che schifo.
    Stanno distruggendo la scuola pubblica con il solo intento di sfornare degli asini che saranno facilmente manovrabili e in..inocchiabili così che i politici possano continuare a fare ciò che vogliono.

Rispondi