Home / Sport / SEMPRE MILAZZO CALCIO, LO STRISCIONE DELLA CONTESTAZIONE
Italpane

SEMPRE MILAZZO CALCIO, LO STRISCIONE DELLA CONTESTAZIONE

MILAZZO STRISCIONEPOSIZIONATO DAGLI ULTRAS DAVANTI ALLA GRADINATA VUOTA, RIMOSSO NELL’INTERVALLO. CONTINUA QUESTO BRACCIO DI FERRO FRA TIFOSI E SOCIETA’ CHE NON PORTERA’ A NULLA DI BUONO…

“Campionati di vertice e finali varie non fermeranno mai i nostri ideali. Coerenza e mentalità!”
Così era scritto nello striscione apparso in gradinata sabato in occasione della partita Milazzo-Giarre. Lo striscione è stato rimosso nel corso dell’intervallo fra il primo e il secondo tempo da Luciano inspiegabilmente perché non riportava scritte offensive per chicchessia. Ma non è questo il problema.

In realtà cosa hanno voluto dire gli ultras del Milazzo? Chi vuole fermare i loro ideali? Chi vuole attentare alla loro coerenza? Mistero!
Quelle parole sono chiaramente rivolte alla società rossoblu, ma nessuno dei dirigenti ha risposto almeno per quanto è dato leggere nelle pagine dei quotidiani locali e on line. Un fatto è certo: alla vigilia della finale di Coppa Italia i tifosi hanno mandato a dire che non intendono andare a Mazara, anche se gratis, per sostenere i colori rossoblu. Credo che sia stata una decisione dolorosa per loro, che amano il Milazzo forse più dei loro affetti più cari familiari. Ma perché si rinuncia a tifare per la squadra del cuore, pur di difendere i propri ideali? La risposta la conoscono le parti in causa e anche noi di Terminal la conosciamo! Non la vogliamo dire perché tocca alle parti in causa parlarsi e chiarire i dissapori nati! Se non lo faranno, bisognerà chiarire a chi appartiene questa società, a quale titolo gioca senza il consenso dei tifosi milazzesi e se sia il caso di farli giocare in una struttura pubblica gratuitamente, ma contro i desiderata del pubblico locale. A noi sembra un gioco duro fra le due parti, che non giova sicuramente alle casse della società (tranne che essa non abbia finanziamenti abbastanza da rinunciare a cuor leggero agli incassi domenicali), ma soprattutto questa vicenda ci costringe a chiedere l’intervento del Sindaco, che ricopre anche l’incarico allo Sport, a intervenire convocando le parti in causa e, in caso di rifiuto a sedersi intorno ad un tavolo, a togliere l’autorizzazione a giocare al “Marco Salmeri” per la squadra del Milazzo!!! E non finisce qui! Almeno per noi!!

Intanto è arrivata una precisazione: il pullman per i tifosi non lo paga la RAM ma la società. Con il tifo organizzato in queste settimane ci sono stati contatti per recuperare il loro sostegno alla squadra ma i tifosi organizzati, come si evince nella loro pagina Facebook, hanno deciso di non fare un passo indietro e quindi continueranno a non sostenere la squadra per la presenza in società di Cannistrà (1 Sócio su 5) e per le divergenze avute con un collaboratore (Bottari)…

Ecco, cominciano ad emergere le prime verità… A questo punto, per accelerare una pacificazione, in nome dello sport e di Milazzo, ci faremo promotori di un incontro fra le parti e chissà che non possa finire tutto in una “piscistuccata”… per meglio dire, a tarallucci e vino! 

Rispondi