Home / Comunicati / SIMONE MAGISTRI SI OPPONE ALLE MODIFICHE VIARIE…

SIMONE MAGISTRI SI OPPONE ALLE MODIFICHE VIARIE…

simone dueRICEVIAMO E PUBBLICHIAMO LA NOTA GIUNTA AL NOSTRO GIORNALE… 

Al Sindaco del Comune di Milazzo

All’Assessore alla Viabilità del Comune di Milazzo

e p.c.                                                                                Al Comandante del Corpo di Polizia Municipale di Milazzo

 

OGGETTO: modifiche al traffico viario ed all’offerta di sosta nel centro urbano di Milazzo.

Il Sottoscritto Consigliere Comunale,

PREMESSO

che,come preannunciato in via esclusiva da uno scarno comunicato stampa comparso sul sito istituzionale del Comune, a far data dal 10/12/2015 si è proceduto a sostanziali modifiche viarie e della correlativa segnaletica nel centro cittadino di Milazzo, con particolare riguardo alla zona del Lungomare Garibaldi;

– che, con gli interventi da ultimo citati è stata in particolare istituita, tramite l’apposizione di segnaletica orizzontale, nel tratto di lungomare compreso tra la chiesa di San Giacomo e l’incrocio che conduce alla via Cristoforo Colombo, un ulteriore fila di parcheggi c.d. a spina di pesce, in aggiunta a quella già esistente sulla carreggiata lato mare del lungomare Garibaldi;

– che, sempre sul lungomare Garibaldi, si è proceduto alla eliminazione dei parcheggi a spina di pesce lato negozi ed alla contestuale istituzione sempre al centro della carreggiata di ulteriori 30/35 parcheggi c.d. a cassonetto riservati esclusivamente ai residenti e ai commercianti;

– che, tale area di sosta risulta situata al centro della carreggiata determinando un sostanziale restringimento della stessa ad una sola corsia;

– che, nello spazio lasciato libero dalla soppressione degli stalli di sosta lato negozi, in adiacenza al marciapiede, è stata istituita, tramite l’apposizione di segnaletica orizzontale dedicata, una pista ciclabile a due corsie, che nelle intenzioni dell’amministrazione dovrebbe proseguire lungo la Via Cristoforo Colombo;

– che, gli interventi da ultimo citati hanno determinato un sostanziale restringimento ad una sola corsia anche della carreggiata lato negozi del Lungomare Garibaldi;

RILEVATO

che i superiori interventi – specie l’istituzione al centro della carreggiata di parcheggi a cassonetto riservati esclusivamente ai residenti e ai commercianti, nonché l’istituzione sulla carreggiata lato negozi di un percorso ciclabile di limitate dimensioni – si pongono in palese contrasto con le previsioni del vigente piano urbano del traffico;

– che, le suddette modifiche, specie quelle relative all’istituzione della nuova segnaletica orizzontale, sono state attuate in assenza di apposita ordinanza del comandante del corpo di polizia municipale e/o di qualsivoglia altro provvedimento amministrativo all’uopo necessario;

– che, delle repentine modifiche attuate nottetempo dall’amministrazione comunale, non è stata altresì data alcuna preventiva informazione alla cittadinanza;

– che, la stessa cittadinanza non è stata in alcun modo preventivamente consultata in ordine alle superiori modifiche, in spregio ai concetti di partecipazione e trasparenza tanto decantati, ma fin qui mai attuati dall’amministrazione comunale;

–  che, le superiori modifiche al traffico ed alla sosta nel Lungomare Garibaldi risultano in ogni caso disposte in assenza di qualsivoglia preventiva modifica/aggiornamento del piano urbano del traffico che risulta atto di esclusiva competenza del Consiglio Comunale e che prevede altresì nel suo iter l’assegnazione alla cittadinanza ed alle associazioni che vi abbiano interesse di un apposito termine per la formulazione di osservazioni;

– che le già citate modifiche risultano allo stato attuate in assenza di qualsivoglia preventiva analisi di contesto dei flussi veicolari determinati dal restringimento delle carreggiate e dalla creazione di nuove aree di parcheggio;

CONSTATATO

che, i superiori interventi hanno già determinato nei primi giorni di operatività un sostanziale peggioramento delle condizioni della circolazione e delle connesse condizioni di sicurezza stradale, specie a causa del già citato restringimento ad una sola corsia delle carreggiate lato mare e lato negozi del Lungomare Garibaldi;

– che, gli stessi interventi si pongono altresì in palese contrasto con gli obiettivi prioritari di riduzione dell’inquinamento acustico ed atmosferico, nonché di riqualificazione dello spazio urbano, imposti dall’art. 36 del vigente Codice della Strada, in relazione ai piani urbani del traffico;

– che le già citate modifiche hanno di fatto trasformato la zona del lungomare Garibaldi in una enorme area di parcheggio a cielo aperto, che si pone in evidente contrasto, oltre che con i già citati obiettivi di riqualificazione e valorizzazione dei centri urbani, con le politiche e le strategie in  tema di smartcities –  perseguite a livello europeo e nazionale ed affermate nello stesso PUT vigente – di dissuasione dalla sosta dei veicoli nelle zone di maggiore attrattività;

CONSIDERATO

– che, la realizzazione del percorso ciclabile di limitate dimensioni sulla carreggiata lato negozi non risulta in alcun modo prevista dal vigente piano urbano del traffico, il quale invece individua quale sede per la realizzazione della pista ciclabile nel lungomare di levante l’area della cortina del porto ed in prosecuzione quella della passeggiata a mare, con la realizzazione di appositi percorsi distinti e distanti da quello stradale;

– che, il percorso ciclabile realizzato è senz’altro in grado di determinare seri pericoli per l’incolumità e la sicurezza dei ciclisti, data la vicinanza con la sede stradale destinata al transito dei veicoli a motore ed in alcuni punti – (incrocio con via nino ryolo) – addirittura la condivisione del medesimo tratto di strada;

– che, il superiore percorso ciclabile risulta allo stato privo di reale utilità, non essendo di fatto dotato delle opportune interconnessioni con specifici corridoi, tali da conferire allo stesso un minimo di continuità;

– che lo stesso si riduce indi di fatto ad una passeggiata di qualche centinaio di metri che può allo stato benissimo essere effettuata sull’ampia passeggiata lato mare;

RILEVATO ALTRESI’

che, i superiori interventi hanno determinato per l’ente comunale l’esborso di risorse finanziarie, di importo allo stato sconosciuto, per la realizzazione della nuova segnaletica orizzontale destinata all’area di sosta ed al percorso ciclabile;

– che, la realizzazione di tale segnaletica non risulta, per quanto già chiarito in alcun modo prevista, dal vigente piano urbano del traffico, né rientra in alcun modo negli interventi di bitumazione delle strade cittadine e contestuale abbattimento del carico inquinante finanziati nell’ambito del PIST n. 18 Ganimè Isole Eolie;

– che, pertanto, le superiori somme, per interventi non previsti ed attuati in difformità dalle procedure di legge, graveranno in via esclusiva sulle asfittiche casse comunali e per l’effetto sulle tasche degli ignari cittadini;

TUTTO CIO’ PREMESSO, CONSIDERATO E RILEVATO,

CHIEDE

Alle SS. LL.

1)  l’immediato ripristino, con particolare riguardo alla segnaletica orizzontale, di condizioni viarie e di sosta dei veicoli conformi a quanto previsto dal vigente piano urbano del traffico, oltre che rispettose delle generali condizioni di decoro urbano e degli obiettivi di riduzione dell’inquinamento acustico ed atmosferico e di riqualificazione dello spazio urbano.

2) di valutare, nell’ambito delle procedure di aggiornamento del vigente PUT, di concerto con il Consiglio Comunale – organo competente in materia, nonché previa consultazione della cittadinanza, delle associazioni, dei commercianti e delle altre categorie che possano avervi interesse, l’opportunità di istituire una zona pedonale estesa all’intero centro urbano.

Milazzo, 14/12/2015

Il Consigliere Comunale

Simone Magistri

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.