Home / Società / SPAZZATURA CHE PAGANO I MILAZZESI!
Italpane

SPAZZATURA CHE PAGANO I MILAZZESI!

spazzatura alla raffineria dueTONNELLATE DI RIFIUTI SCARICATE GIORNALMENTE DAVANTI ALLA TERMICA… MA NON E’ LA TERMICA… ECCO LE FOTO PRIMA E DOPO LA RACCOLTA

Ci segnalano, e ci corre l’obbligo di pubblicizzare la notizia, a costo di essere ripetitivi e monotoni, che in tutta Milazzo ognuno provvede ad una forma di smaltimento in spregio alle norme stabilite. Solo che questa volta la segnalazione non riguarda chi butta il sacchetto prima dell’orario, o preferisce smaltire il cartone o la plastica senza preoccuparsi della differenziazione. No, qui il fotografo, e quindi il lettore che ha voluto immortalare le scene, molto suggestive ad onor del vero, ha voluto porre un quesito che noi di TERMINAL vorremmo “girare” agli addetti ai lavori, e in questo caso non agli operatori ecologici, ma a coloro che stabiliscono le tariffe, quantificando gli importi secondo metodi discutibili che provocano malumori e proteste. Senza andare per le lunghe, chi è in grado di dirci chi paga quelle tonnellate di spazzatura che vengono depositate proprio davanti alla Termica, a due passi dalla Raffineria, ma non dalle due ditte citate? Noi la risposta l’abbiamo già: i milazzesi! spazzatura alla raffineria UNOCosì come i milazzesi pagano la spazzatura prodotta ogni giovedì nel mercato settimanale, quella che gli ambulanti lasciano ogni giorno nei cassonetti, assieme a quintali di frutta avariata, scarti di ortaggi, cassette in legno; le lavorazioni di macellerie, il materiale edilizio e ferroso che viene svuotato nei contenitori e rischia di provocare danni incalcolabili agli autocompattatori. Nessuno riesce a controllare, e questo è il vero guaio. DIETRO STAZIONE FERROVIARIAProprio perchè non esiste un controllo, chi deve preoccuparsi se sotto il viadotto di San Paolino vengano depositati suppellettili ed elettrodomestici, e se lo stesso viene fatto sotto il viadotto prima di Santa Marina? Probabilmente solo quei milazzesi che hanno a cuore le sorti della loro città, e tutti gli altri che, pur vivendo fuori Milazzo, si rattristano nel vedere immagini indecorose pubblicate in rete di una città che non riconoscono! Ma di più si rattristano, e piangono per le bollette esagerate, quei cittadini (e spesso si tratta di milazzesi che probabilmente a Milazzo vengono solo pochi giorni l’anno, e producono pochi chilogrammi di spazzatura…) che si devono far carico delle bollette che contengono i costi di tonnellate di rifiuti la cui provenienza è ignota. Ignota per modo di dire! 

Rispondi