Home / Società / SPAZZATURA. COSA SI STA FACENDO PER RIDURRE I COSTI?
Italpane

SPAZZATURA. COSA SI STA FACENDO PER RIDURRE I COSTI?

spazzatura

SONO ARRIVATE LE BOLLETTE, MA IN QUANTI HANNO PAGATO? E PER IL FUTURO, CHE SI PREVEDE?

Tutti questi soldi? Questo è stato il commento, quando sono state recapitate le bollette della spazzatura! Per pagarle c’è sempre tempo… ammesso che tutti i cittadini abbiano voglia di pagarle. Infatti sono stati in migliaia quelli che hanno preferito intraprendere la strada della contestazione, e prima che costoro tirino fuori qualche soldo dalle loro tasche, ne passerà del tempo! Una piccola parte ha deciso di pagare solo la prima rata, per evitare discussioni, ma ci sono quelli che UFFICIALMENTE non hanno ricevuto ancora nulla, nonostante tutti sanno di avere ricevuto l’avviso. Non trattandosi di una notifica (tutti siamo diventati esperti…) fatta secondo i termini di legge, hanno ragione! Intanto il tempo passa e il comune ha le casse vuote! Nel frattempo, cosa si sta facendo per ridurre la quantità di rifiuti da portare in discarica? Nulla! Per cui il prossimo anno dovremo pagare ancora di più. E così non va! La differenziata non decolla, anzi nessuno, a quanto pare, ha interesse a farla decollare: a parte la mancanza di cassonetti gialli, verdi e blu, quei pochi illusi che la fanno, più per loro convinzione come se dovessero salvare il pianeta che per altro, non si vedono riconosciuta alcuna detrazione per quanto non hanno conferito nei contenitori! Di educazione ambientale non se ne parla, eppure potrebbe essere un inizio, se ci fosse un coordinamento fra il comune con i dirigenti scolastici; gli uffici pubblici, quelli che producono tonnellate di carta, smaltiscono indiscriminatamente tutto nei cassonetti; chi produce cassette, cartoni e imballaggi fa lo stesso, ma il bello è che costoro sono facilmente riconoscibili, e se agiscono senza rispettare l’ordinanza, nessuno li richiama o li verbalizza! Eppure partendo da costoro si potrebbe cominciare a fare affluire nelle asfittiche casse comunali qualche risorsa… Dobbiamo riconoscere che si annaspa, che non si hanno idee chiare, che la città è allo sbando, e che ognuno si sente autorizzato a fare i propri comodi, danneggiando anche quei cittadini rispettosi delle leggi e desiderosi di vivere in una città migliore….

Non ci stancheremo mai di dedicare il nostro tempo a denunciare l’assoluta mancanza di rispetto per l’ambiente, il perpetrarsi di illegalità a danno di altri, lo scorretto utilizzo dei contenitori, ma al tempo stesso di evidenziare le omissioni di atti d’ufficio da parte di chi dovrebbe fare rispettare l’ordinanza sindacale. Purtroppo chi dovrebbe dare risposte certe alle legittime richieste della collettività non sa da dove cominciare… ma ci vorrebbe ben poco che capirlo, piuttosto che prestare il fianco alle critiche di una città che non sa uscire dal tunnel e nella quale ognuno rema dalla parte opposta! 

Rispondi