Home / Società / STRISCE BLU: MA PERCHE’ NON LE GESTISCE IL COMUNE?

STRISCE BLU: MA PERCHE’ NON LE GESTISCE IL COMUNE?

Parcheggi-a-pagamento-mezza-marcia-indietroSERVIZIO SOSPESO, RIMBORSI PER CHI HA I “GRATTA E SOSTA”. E POI?

I parcheggi sono tornati liberi, ma le strisce blu sull’asfalto sono rimaste. La Cooperativa Obiettivo salute e Lavoro ha sospeso il servizio, però rimborsa ai cittadini gli importi dei tagliandi acquistati in anticipo, con la speranza di poterli utilizzare. Gli ausiliari del traffico, licenziati senza preavviso, inizieranno l’ennesima vertenza, e dopo dodici anni si accorgono che un’altra porta si è chiusa. Tutto passa in mano agli avvocati, e si assottiglia il numero di chi spera che qualcosa possa risolversi entro breve tempo!

Ma il Comune cosa fa? Intanto subirà delle perdite, poichè la rescissione anticipata del contratto fa perdere gli introiti sperati quantificati al momento dell’aggiudicazione dell’appalto. Anche in questo caso si innescherà un contenzioso, ma conoscendo i tempi oltremodo lunghi, non sappiamo quando sarà scritta la parola fine.

E poi? Un nuovo appalto, una nuova ditta, nuove assunzioni, nuova boccata di ossigeno per gli ex Galileo, rimodulazione del servizio, pitturazione o cancellazione delle strisce, nuovi tagliandi, nuove proposte (come si fa al festival di Sanremo) e per il comune, ancora una volta, un caffè, offerto generosamente da chi farà la parte del leone incassando centinaia di migliaia di euro, salvo poi levare le tende, e chi si è visto, si è visto.

Ma funziona veramente così? Possibile che il Comune di Milazzo sia tanto generoso? Possibile che non sia in grado di gestire un servizio e incassare, IN PRIMA PERSONA, i proventi MILIONARI di un appalto? Possibile che in un momento di crisi di liquidità si debba sempre ricorrere ad altri?

Non venite a dire che non c’è nessuno che possa controllare chi ha esposto il Gratta e Sosta, perchè offendete la nostra intelligenza! In questi mesi di “vacatio”, visto che il contratto è stato rescisso in maniera unilaterale, e che non occorre effettuare lavori di pitturazione, l’unica incombenza che spetta al comune potrebbe essere quella di fare realizzare migliaia di tagliandi, con il logo della città, metterli in distribuzione, e far capire ai cittadini, che non aspettavano altro che intasare le vie del centro e parcheggiare GRATIS, che le regole vanno rispettate. Sono state individuate delle zone di sosta a pagamento? Bene, che si paghi per sostare. Se la donna delle pulizie non viene per un mese, non posso lasciare la casa sporca. O mi sbaglio? Provvedo io, altrimenti chiamo qualcun’altra per evitare che la sporcizia si accumuli!

E proprio PER EVITARE CHE LA SPORCIZIA si accumuli, in questo casod eve provvedere il COMUNE! Nuovi tagliandi in vendita, e nessun compromesso o favore, del tipo “Sto arrivando, il tempo del giornale” o “Un minuto, faccio subito!“. Il vigile urbano (sempre lui, chi altri?) deve solo controllare. Chi non ha il tagliando verrà verbalizzato.

Poi, se a fine giornata gli amministratori capiranno che il servizio fa affluire nelle casse comunali tanti soldini, probabilmente si convinceranno che, in questi anni, sono stati offerti troppi caffè, senza aver preso parte ai lauti banchetti dei gestori del servizio! Milioni di euro! Ma sì… tanto, non ne avevamo bisogno, in questa città generosa!

1 Commento

  1. Meno male!
    Era ora che qualcuno, oltre a noi poveri fessi che queste cose le vedono e pensano da tempo, le dicesse. Ed una postazione simile è “privilegiata”. Diciamocela tutta, nel nome di pressioni o promesse abbiamo pagato il conto per gli ex Galileo. E questi sono i risultati. Mi spiace per loro, ma i tempi son quelli che ci ritroviamo e certe carenze o vuoti non possono essere spalmati sulla comunità per mille motivi. Un comune in dissesto (ufficiale o meno), non può permettersi di appaltare un servizio simile. Ci sono in ballo soldi in quantità, a patto che si facciano rispettare. Il problema grosso credo sia questo, far pagare chi per amicizia o comodità non lo ha mai fatto. Probabilmente questo snodo potrà essere la rivoluzione che aspettavamo tutti, la riorganizzazione, seria, della viabilità a Milazzo. Saluti e grazie come sempre per la puntualità.

Rispondi