Home / Un saluto agli amici... / TIZIANA MELLINA RITROVA PAPA’ UMBERTO E LA SORELLA CATIA…

TIZIANA MELLINA RITROVA PAPA’ UMBERTO E LA SORELLA CATIA…

DOPO PAPA’ E LA SORELLA, ANCHE TIZIANA SE NE VA… LA NOTIZIA E’ UN FULMINE A CIEL SERENO.

Avevamo scritto su TERMINAL di Umberto Mellina, volato improvvisamente via tre anni fa. Ci eravamo rattristati quando abbiamo dovuto salutare anche la figlia Catia, sorridente come il suo papà, che a Natale 2016 “ha voluto sollevarsi lieve per acquistare una nuova dimensione, per l’eternità“.

Oggi alle 15 renderemo l’ultimo saluto a Tiziana Mellina, un’altra figlia di questa terra, un’altra moglie, un’altra mamma che parte improvvisamente il giorno del suo onomastico, per vivere per sempre in un mondo celeste… Abbracceremo il marito, Santo Catalfamo, con il quale ha condiviso una vita; il figlio Maichol, che aveva dato alla luce quando ancora era una ragazza ed aveva cresciuto con tutte le forze, senza fargli mancare l’amore e gli affetti che solo una madre sa regalare; la mamma Nicolina, che vede andare via dopo il marito e la figlia Catia, un’altra figlia, la sorella Antonella, che si sente sola  e smarrita per questa grave perdita…

Tiziana ha rifatto lo stesso viaggio della sorella Catia, chiedendo, così come la notte di Natale aveva fatto lei, agli Angeli la strada per raggiungere papà e la sorella stessa… La solita, lunga fila di domande per vedere se potessero fornire quelle indicazioni a lei che, lasciato il mondo terreno, avrebbe dovuto per sempre rimanere lassù, con papà e con la sorella.

Sono stati due angeli, i più belli, che prendendola per mano si sono incaricati di accompagnarla… Pochi istanti, un bagliore accecante e Tiziana, immersa in una lucE radiosa e celeste, fa un cenno per ringraziarli… Ma grande è la gioia quando vede che si tratta di papà Umberto, che le tiene una mano, e di Catia, che la cinge al fianco per sorreggerla…

Papà… Catia… Siete voi!?

Sì, siamo noi, ma non gridare. Ci siamo ricongiunti e adesso il nostro mondo è qui… Lo sai che laggiù hanno bisogno di noi… Guardali

Li vedo… mamma… Maichol…  Santo… Ma perchè piangono?

No, non piangono, ci stanno guardando e sono abbagliati da questa luce radiosa, per questo i loro occhi lacrimano… Non possono vederci subito. Ma sanno che saremo sempre assieme, e noi non li lasceremo soli…

Come dici tu, papà… Saremo sempre assieme, allora, vero? Ma mi dovrete aiutare… non so come si fa a non lasciarli soli…

Imparerai, sorellina mia… Anch’io non sapevo, ma pian piano ho imparato. Mandiamo loro un messaggio? Prova tu, dai…”

“STIAMO BENE QUI… E SE GUARDATE VERSO IL CIELO NELLE NOTTI CHE VI SEMBRANO BUIE, E VI SENTIRETE SOLI, CI VEDRETEEEE! VI VOGLIAMO BENE. TANTISSIMOOOOO!!!!!

Hai visto… Non valeva la pena gridare: ti hanno sentito benissimo, perchè hai parlato al loro cuore… E stanno sorridendo…”

“Sì, li vedo…. VI VOGLIO BENEEEE! Mi raccomando… ci rivedremo…

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.