Home / Satira / TOPI MORTI SULLA SPIAGGIA? ERA GIA’ SUCCESSO! LEGGETE UN PO’….

TOPI MORTI SULLA SPIAGGIA? ERA GIA’ SUCCESSO! LEGGETE UN PO’….

topo-spiaggia-77026.660x368UN NOSTRO SERVIZIO SU TERMINAL SETTEMBRE 2010. CINQUE ANNI FA

” Come ogni anno, i ragazzi avevano iniziato  il count down per la desiderata fine della scuola, i lavoratori erano in fermento per l’arrivo delle agognate ferie,  le donne, invece, alle prese con  un’ultima rifinitura alle gambe e ai glutei, con squat o affondi. Tutti in fibrillazione per l’arrivo dell’estate ormai alle porte. Nell’aria già si sentiva il primo sapore del mare, del sole e del divertimento. Basta scuola, basta studio, basta ore ed ore in ufficio, tutti pronti per dare il benvenuto alle vacanze che, ormai, non facevano più stare nella pelle! 

Ma  a questa eccitazione si  faceva via via  sempre più largo  la delusione di un’estate raccapricciante. A detta  delle menti più argute e  perspicaci, reduci di una stagione balneare 2009 non da meno, i presagi d’inizio estate erano lapalissiani: depuratore mal funzionante, chiazze marroni, polistirolo, plastica, pannolini,  roghi di immondizia, divieti di balneazione, psicosi da mare inquinato, da far correre al pronto soccorso anche per un mero eritema e quant’altro  erano stati segni forieri di quella che poi sarebbe   stata  e continua ad essere un’estate da profondo rosso. L’ennesimo capitolo di una stagione tribolata si è consumato nelle ultime settimane, quando, lungo il litorale di ponente, precisamente nella zona di San Papino, i bagnanti hanno avuto la sgradita sorpresa di trovare in acqua e sulle spiagge una mattanza di pantegane. Uno spettacolo davvero obbrobrioso, da far accapponare la pelle anche agli animi più coriacei: topi (ben nutriti) che galleggiavano a pochi metri dalla riva, altri che giacevano sul bagnasciuga, altri ancora  in avanzato stato di decomposizione e un persistente  cattivo odore percepibile anche a decine di metri di distanza.

Un bollettino di guerra più che il resoconto di una piacevole giornata in spiaggia. 

Alcuni ignari  avventori giunti sulla spiaggia a metà pomeriggio, cedendo alla tentazione di rinfrescarsi dalle ultime calure estive, hanno provato un’esperienza, davvero da brividi, di avere un incontro ravvicinato, non saprei specificare di quale tipo, con le carcasse dei topi, schizzando fuori dal mare in tempi da record. In seguito ai ritrovamenti degli animali morti, è scattata la protesta dei bagnanti, esasperati dalla situazione e costretti a lasciare le spiagge. Ma come è potuto accadere un fatto del genere? È lecito ritenere che tutto nasca dal sovraccarico delle fogne cittadine durante le abbondanti precipitazioni dei primi giorni di settembre, le quali hanno fatto si che gli animali dal collettore fognario si riversassero in mare. Nonostante la spiegazione di tale fenomeno sia solida, logica e plausibile restano le domande su come sia stata possibile una cosa del genere e su cosa si sarebbe potuto e dovuto fare per evitare quanto successo.

Adesso corre veloce l’indignazione tra i milazzesi, disgustati dalla reiterazione di spettacoli obbrobriosi e di vedere, ancora una volta, le proprie spiagge e il proprio mare,  fulgido esempio di vita, colori e sublime bellezza, trasformati in uno scenario adatto per un nuovo film della Disney: Ratatouille rasa al suolo.

La presenza di ratti, siano essi vivi o morti, è sinonimo di lerciume, degrado e noncuranza tutto il contrario di quello che si chiede per la splendida Mylai. E’ impensabile che un territorio che pone fra i propri obiettivi primari il rilancio del turismo, nei fatti, possa offrire ai vacanzieri uno scenario di degrado e di massima sporcizia.

Che altro aggiungere?”

ECCO, tutto qui! Una scena già vista. Ma se ci avete fatto caso, noi la notizia l’abbiamo pubblicata nel 2010, cinque anni fa. Al Comune si era insediato da poco Carmelo PINO, come Sindaco. A distanza di cinque anni, nel 2015, i topi sono riapparsi sulla spiaggia. E questa volta al Comune arriva un nuovo Sindaco, Giovanni FORMICA. Strane queste coincidenze… Non è che per caso che i topi scappano quando arriva un nuovo Sindaco? E nel 2020? Basta avere un po’ di pazienza! Ma di sicuro nel 2016 la spiaggia non ci dovrebbe riservare sorprese!!! 

 

Rispondi