Home / Satira / TUTTI A SPASSO NELLA ROTATORIA!
Italpane

TUTTI A SPASSO NELLA ROTATORIA!

ATTRAVERSAMENTO CON VIGILE 2ECCO LE SCENE CHE VEDIAMO NEL PORTO: RALLENTANO IL TRAFFICO, MA LA COLPA E’ DELLA VIA SIRO BRIGIANO! 

“Settembre andiamo, è tempo di migrare…” Era il D’Annunzio, che prevedeva tanto tempo fa l’apertura delle scuole a settembre. E la sua più celebre poesia, dedicata ai pastori della sua terra, che ci fece conoscere un termine insolito, transumanza, oggi può descrivere quei tanti giovani che, da settembre alla fine dell’anno scolastico, si spostano senza alcun controllo, da una parte all’altra della città: dal capolinea degli autobus alle scuole e viceversa. Non c’è il pastore d’Abruzzo a governare greggi e armenti, ma l’occhio preoccupato ed impotente di chi dovrebbe regolamentare e reprimere certe abitudini  che contrastano con il Codice della Strada. Tutti invadono quella rotatoria della discordia, che fece parlare di sé prima ancora di essere realizzata. E’ quella davanti alla Farmacia Castelli, nel porto, ma nemmeno le altre hanno sortito gli effetti desiderati, ossia lo snellimento del traffico! Per questa in via dei Mille sembra essere stata trovata la soluzione, il cosiddetto uovo di colombo, ovvero il divieto per chi percorre la via Siro Brigiano di svoltare a sinistra (ma nessuno rispetta il segnale, segno inequivocabile che ognuno fa quel che vuole, anche contro legge! La notizia comica della presenza di una telecamera, diffusa da TERMINAL, che stava facendo ottenere i risultati sperati, è stata smentita…). I giovani sulla strada? Se fossero dotati tutti di una targa forse sarebbe più facile annotarla e mandare a casa la multa. Ma con il vigile è a due passi, non sarebbe più facile, visto che tutti questi giovani hanno sostenuto corsi di educazione stradale nelle loro scuole, richiamare qualche nozione che hanno dimenticato troppo in fretta? O si attende qualche veicolo che, insofferente ai rallentamenti, scaraventi in aria qualcuno di loro? Non ci pare che sia la soluzione migliore! Noi continueremo a pubblicare, perchè i nostri lettori continuano ad inviarle sapendo che non le cestineremo, foto come questa. Per il resto non possiamo fare altro. Solo raccogliere le proteste dei cittadini che non tollerano che si viva in una città dove ognuno si sente autorizzato di fare i propri comodi! E domani fare giustizia da sé…

 

Rispondi