Home / Sport / UN CAMPIONE CHE FA ONORE A MILAZZO E ALLO SPORT
Italpane

UN CAMPIONE CHE FA ONORE A MILAZZO E ALLO SPORT

marco maioranaTENNIS: MARCO MAIORANA CONTINUA A FAR PARLARE DI SE’, CON I RISULTATI E CON LE VITTORIE…

Sono forse il meno indicato a scrivere di uno sport che non conosco, ma la notizia che un milazzese si fa strada a suon di vittorie difendendo i colori di una società che non è di Milazzo mi spinge a spendere qualche parola per una disciplina che in tanti potrebbero praticare, anche perchè ricordo che Milazzo ha una tradizione. Quindi, propagandare il tennis coinvolgendo i ragazzi fin dalle elementari dovrebbe essere un obiettivo che in quella che ritengo anche la “mia” città, nonostante ci sia vissuto solo… un anno, a causa del peregrinare legato al lavoro di mio padre, potrebbe essere raggiunto in breve tempo! Intendo lo sport secondo il motto “Mens sana in corpore sano”, per cui qualsiasi disciplina sportiva praticata fin dalla giovane età è la benvenuta. Detto questo, passo a dare la notizia che esalta Milazzo e chi ama lo sport. E sottolineo la grande prestazione di Marco Maiorana, che questa volta ha fatto suo, senza perdere nemmeno un set, il torneo del circuito siciliano di terza Categoria della Federtennis svoltosi durante le ultime due settimane sui campi in erba sintetica del circolo di Fiumefreddo. Marco si è imposto battendo ai quarti di finale il ragusano Alessandro Licitra ( 6/4 -7/5 ) Nel prosieguo ha battuto in semifinale il forte maestro di casa Gianmarco Calvo (6/3 – 6/3) Ed infine in una finale avvincente il taorminese Alessio Ardizzone per 6/4 – 7/5. Mi congratulo con il giovanissimo campione che onora Milazzo, e penso che da parte dei milazzesi che amano lo sport possa fare giungere a lui, tramite questo mio “articolo”, un plauso e i migliori auguri per una luminosa carriera. Aggiungo, per ricollegarmi a quanto scritto prima, che proprio da lui potrebbe cominciare un lento lavoro per il tennis a Milazzo…

(Giovanni Muscolino)

  • nella foto, Marco Maiorana, in maglietta scura, con Alessio Ardizzone

Rispondi