Home / Società / UN ETERNO CANTIERE, DOVE OGNUNO PONE E DISPONE…
Italpane

UN ETERNO CANTIERE, DOVE OGNUNO PONE E DISPONE…

posa caviLA VIA MIGLIAVACCA NON L’AVEVAMO DIMENTICATA… E QUINDI PUBBLICHIAMO LA SEGNALAZIONE CHE UN LETTORE CI HA FATTO PERVENIRE. PER DIMOSTRARE CHE LE PERSONE SI RENDONO CONTO CHE QUALCOSA NON FUNZIONA. E PIUTTOSTO CHE LAMENTARSI IN PIAZZA, SCRIVE E FOTOGRAFA! DANDOCI LAVORO…

VIA MIGLIAVACCA, 3 novembre 2015

– Per l’ennesima volta la strada è chiusa al traffico da stamattina.
– Transenne e “divieto di circolazione” su un paletto, in testa alla stessa e vigile di assistenza. Forse lo si poteva risparmiare per miglior causa visto che lo sbarramento era impenetrabile ed ineludibile.
– Sul palo di sostegno del segnale stradale un foglio: “Ordinanza n° 183 del  29/10/2015” a firma del Dirigente Polizia Municipale. Testo: “Divieto per lavori nei gg. 3 e 4/11/2015 causa scavi”.
– Marciapiede destro (nel senso di marcia): su ogni palo dell’illuminazione c’e un cartello di “divieto di sosta” per il periodo 3/11/2015 – 15/11/2015.
– Allo sbocco Migliavacca/Magistri c’è attività di cantiere col cartello identificativo: lavori di…; impresa…; ecc.; trattasi di lavori commissionati dall’Enel per il “Potenziamento cavi a Media Tensione”.
– Si nota un lungo scavo a trincea sotto il marciapiedi destro, dall’incrocio, a ritroso verso la testa della Migliavacca, aperto e una terna di tubi PVC stesi a terra che dovranno essere poi interrati non appena lo scavo sarà portato a termine lungo tutta la detta via.
– Molti mezzi d’opera posti disordinatamente determinano totale impraticabilità della strada. Da qui la chiusura al traffico.
migliavaccaSi osserva, però, che la strada è chiusa non tanto per i lavori di scavo che (almeno da ciò che è dato vedere ingombrano non più di 2 metri) ma a causa dei mezzi d’opera sparpagliati senza motivo.
Che tipo di autorizzazione è stata chiesta al Comune? Qualcuno si è preoccupato di criticarla fino a convincersi che era giusto chiudere tutta la strada?
Per quel che l’occhio esperto può giudicare, senza aver posto domande, ma al solo vedere, bastava solamente dedicare metà carreggiata all’impresa, metà al traffico veicolare, abolendo la sosta che – già di fatto –  è abolita.
Inoltre crea incomprensione e conseguente confusione la discrasia fra le date sull’Ordinanza e quelle sui divieti di sosta. Arcano?…oppure la Migliavacca subirà anch’essa l’interruzione fino al 15 novembre p.v.? Però l’Ordinanza non ne parla.
Questi sono dubbi, ma almeno una cosa è certa: chiudere le strade è sempre stata cosa non tenuta nella debita considerazione; il primo che arriva sbarra e ti saluto. Oggi è ancora peggio e la situazione traffico è veramente insostenibile su tutto il centro urbano, nessuna via esclusa. Grazie dello spazio… 

Rispondi