Home / Di tutto un pò / UN PLAUSO A POLIZIA E CARABINIERI! PERCHE’ MILAZZO NON E’ TERRA DI NESSUNO!
Italpane

UN PLAUSO A POLIZIA E CARABINIERI! PERCHE’ MILAZZO NON E’ TERRA DI NESSUNO!

Si ritorna alla legalità? Così si augurano i cittadini, le cui richieste di intervenire sulla viabilità e la cui proteste per comportamenti illeciti andavano a sbattere contro il muro di gomma dell’insensibilità istituzionale! E per evitare che la città possa precipitare sempre verso una china pericolosissima, fatta di degrado e di mancato rispetto delle regole del vivere civile, ci hanno pensato gli uomini della legge, i Carabinieri e la Polizia di Stato, a cominciare a ristabilire le giuste distanze tra i comportamenti leciti e quelli illeciti, tra l’anarchia e le norme da rispettare, tra gli utenti indisciplinati e le persone che soffrono e spesso pagano colpe non loro! Un giro di vite ancora insufficiente, ma che è servito a far capire che a Milazzo COMANDA LA LEGGE e non l’arroganza di chi pensa di sostituirsi agli uomini della legge e alle istituzioni. Quindi occorre intensificare e non concedere tregua a chi ritiene, così come ha ritenuto fino ad ora, di fare i propri comodi. E così come abbiamo scritto e chiesto a gran voce in passato, e mai ci stancheremo di chiedere, che si agisca con decisione e determinazione su chi si mette alla guida di un veicolo senza allacciare le cinture, o utilizzando un cellulare: proprio alle 13 di poco fa una deficiente, non trovo altro modo per definirla, giocando con il suo cellulare mentre era alla guida della propria auto, mi stava venendo addosso, ed io ero fermo sul marciapiede: perchè, distratta del messaggio che stava scrivendo, stava avvicinandosi paurosamente a destra e se non le avessi gridato sarebbe sicuramente salita sul marciapiede mettendomi sotto! NOn sarebbe stata una grave perdita… direbbe qualcuno di voi! Ma lei cosa avrebbe detto? Non penso che sarebbe scesa dall’auto: sono certo che se fossi finito per terra, avrebbe innestato la retromarcia per andarsene via: codarda e vigliacca come tutti quelli che cercano di rifuggire alle proprie responsabilità allontanandosi dopo avere causato un incidente stradale… Tornando all’intervento di Polizia e Carabinieri, mi fa piacere leggere su www.ildiariometropolitano.it di questa iniziativa, seppur tardiva! Ma al di là dei numeri snocciolati e riproposti dalla redazione del Diario, ritengo che venti verbali siano pochissimi! E soprattutto non vorrei, personalmente, che a questo blitz debba seguire una pausa di mesi e mesi! Per anni abbiamo chiesto l’intervento dell’Esercito, per restituire la legalità a Milazzo. Speriamo che non sia necessario, avendo cominciato proprio le due Forze di Polizia che amiamo di più. E che al loro intervento, che ha cominciato a far tremare qualche utente, possa seguire quelli altrettanto incisivi dei Vigili Urbani; con la solita raccomandazione: casco, cinture e cellulare alla guida! Si incassa di più che stando sull’asse viario a scattare foto, e si ritirano patenti con più facilità, essendo la contestazione immediata! Credetemi! Venti verbali al giorno corrispondono ad oltre un milione di euro in un anno. A proposito, mentre ci siete… un controllo al Tono non farebbe male. Più che altro per sapere se chi mette quella freccia di obbligo dietro la chiesa sia stato autorizzato o meno. Io personalmente non ci sono stato, ma le persone che continuano a mandare le foto e chiedono di saperne di più, meritano una risposta… Se poi si fa un controllo anche alle decine di ambulanti sul lungomare… Troppe cose, vero? Meglio una cosa per volta, altrimenti rischiamo di non fare nulla! 

 

Rispondi