Home / Satira / UN SEGNALE PER I PARCHEGGIATORI PRIVATI!
Italpane

UN SEGNALE PER I PARCHEGGIATORI PRIVATI!

 

CASSONETTO TONNARAINSTALLATO PROPRIO ALL’INGRESSO DI MILAZZO, OCCORRE ADESSO PUBBLICIZZARLO PER EVITARE INUTILI CONTESTAZIONI E POLEMICHE!

Per tutta l’estate gli automobilisti che arrivavano a Milazzo, anche se si trattava di milazzesi che percorrevano la via Tonnara, sono stati assaliti da ragazzi che, sbracciandosi e urlando, ne provocavano il rallentamento, fino alla momentanea fermata, per offrire un parcheggio. La cosa ha indispettito molti turisti, i quali non hanno esitato a fare le loro rimostranze denunciando il modo poco ortodosso messo in pratica da questo manipolo di collaboratori dei garage privati. Il loro abbigliamento, la mancanza di un segnale di riconoscimento, la naturale diffidenza verso i siciliani, la paura che fosse in atto un tentativo di rapina se non addirittura un sequestro del conducente o dei bagagli trasportati nel cofano, hanno ingigantito un aspetto assolutamente normale, anche se non regolamentato, dell’approccio che il forestiero ha con la città di Milazzo. nella quale, occorre sottolinearlo, nessuno dei milazzesi si metterebbe in via Tonnara, in pieno giorno, a fermare le auto in transito verso il porto con la scusa di invitare a parcheggiare e effettuare una rapina. Del fatto, che si ripete ogni giorno, se ne è interessata anche la stampa nazionale, quella d’oltre Manica e persino facoltosi proprietari di emittenti che hanno diffuso le immagini in tutto il pianeta, dall’Australia all’Alaska. Una grana per l’Amministrazione, impossibilitata a debellare il fenomeno, destinato ad assumere proporzioni preoccupanti e fare aumentare a dismisura il numero di parcheggiatori, tale da fare impallidire quelli di Posillipo o di Rione Sanità. Fino a quando qualcuno, il cui acume è sopraffino e le idee non mancano, ha pensato di riattivare una vecchia segnaletica, come quella che potete vedere nella foto: RALLENTATORI OTTICO SONORI.

Il segnale è lì oltre una decina di anni, hanno affermato i ragazzi che in estate sbarcano il lunario procurando autovetture ai garage della zona. Noi abbiamo solo fatto presente che esiste una segnaletica che si riferisce proprio… a noi! E non capiamo perchè ci si debba scandalizzare. Noi secondo la segnaletica esistente… siamo in regola!“.

Giusta osservazione, ragazzi. semmai, a non essere in regola, da quanto appare nella foto, potrebbe essere il marciapiede, ostruito da un cassone che contiene indumenti dismessi, dal palo che non lascia passare i pedoni e chi percorre la strada in carrozzina, e persino i rami degli oleandri che dovrebbero essere potati a rotazione continua.

“Ma in questa città, aggiunge un altro dei rumorosi ragazzi, si esagera sempre: vedono solo noi!“.

Sbagliato: non vi vedono. Vi sentono.

E meno male, conclude quello che sembra il capo, altrimenti ci metterebbero sotto. Altro che segnaletica!

1 Commento

  1. Appello a TERMINAL…
    SALVIAMO I RANDAGI…

Rispondi