Home / Di tutto un pò / VACCINO: i milazzesi mandati a MISTRETTA. Ma è normale?

VACCINO: i milazzesi mandati a MISTRETTA. Ma è normale?

Non poteva durare… o se preferite, “Troppa grazia, Sant’Antonio”! Domenica al “Fogliani” tutto era andato per il meglio, e gli stessi sanitari hanno avuto ampio spazio sulle testate giornalistiche perchè, finalmente, qualcuno aveva capito che proprio l’ospedale di Milazzo era la sede giusta per vaccinare gli anziani, o meglio gli over 80! Quelli appositamente prenotati tramite il portale on-line sono apparsi soddisfatti, dubbiosi, perplessi, incoraggiati, come se per loro il vaccino fosse un elisir di lunga vita. Ma l’importante è somministrare. E fare presto! 

Ci troviamo in una fase decisiva della lotta al coronavirus e con gli effetti del vaccino si punta alla consistente diminuzione del numero dei decessi e delle ospedalizzazioni per una fascia delicata come quella degli ultra ottantenni del nostro comprensorio. Dalle ore 8 nel presidio di Villaggio Grazia il personale sanitario aveva iniziato, nel pieno rispetto delle norme di sicurezza, i turni per la somministrazione della prima dose agli ultraottantenni, una categoria fragile a forte rischio. Arrivati in ospedale con i familiari che premurosamente li hanno accompagnati, a loro è stata riservata una sezione dell’area parcheggi interna, la cui gestione è stata egregiamente regolata dai volontari del locale comitato della Croce Rossa. Nessun disservizio, così come era avvenuto nel corso della prima giornata, e nessuna polemica! Le disfunzioni sono state corrette, e gli anziani hanno atteso con fiducia e pazienza il loro turno. Prima di rientrare a casa ognuno di loro è stato monitorato dall’equipe medica per verificare eventuali reazioni al vaccino. Alla fine, ad ognuno è stato consegnato un attestato di avvenuta vaccinazione con tutte le indicazioni sulla dose e sul lotto iniettato, oltre alla data per effettuare il richiamo.

Avevamo raccolto domenica i commenti di qualche anziano: un novantenne, con l’energia di un giovanotto, ha dichiarato di sentirsi bene ed è convinto che la vaccinazione sia l’unico rimedio contro il Covid. Al suo commento ha fatto eco una donna, che ha invitato i suoi coetanei a non rinunciare a questa possibilità, sottolineando che si tratta di un dovere. Un altro signore, accompagnato dalla figlia, ha rivolto un pensiero a quanti ci hanno lasciati, e che il vaccino avrebbe sicuramente salvato; mentre un anziano, Salvatore, ha espresso la sua soddisfazione per il ruolo che sta avendo Milazzo, e la convinzione che solo così moltissimi concittadini potranno essere vaccinati e quindi essere tutelati dal virus!

Ma questo, come detto, avveniva domenica!

Oggi le notizie sono altre, e il fatto che i milazzesi debbano andare a Mistretta lascia l’amaro in bocca. “Ma che razza di decisioni prendono?” ci ha detto un signore di 82 anni. “Loro pensano che sia un aiuto ai vecchi mandarci a cento chilometri da qui, quando abbiamo un ospedale! Allora è vero che vogliono farci morire…“, è stato lo sfogo di una donna che di anni ne ha 94 e ragiona meglio di tanti altri che prendono decisioni spesso senza riflettere!

Ci fermiamo qui, e vi assicuriamo che gli altri commenti raccolti non rendono merito alla sanità! Sono certe decisioni che la mettono sul banco degli imputati, anche se i politici dichiarano di non saperne nulla! Ma dovrebbero essere proprio i politici, visto che sono stati eletti con il voto dei cittadini, fra i quali ci sarà pure qualche ultraottantenne, a tutelare chi deve fare ricorso al vaccino: il tempo del servizio di leva, del soldato che da Trapani veniva spedito a Gorizia o da Pordenone a Siracusa è passato da un pezzo. Milazzo ha un suo ospedale: privarlo di un servizio essenziale per la salute dei milazzesi e spedirli a Mistretta non è la soluzione migliore. Così come non è la soluzione migliore ricorrere a giri di valzer (Messina, Taormina, Sant’Agata di Militello, Patti, Barcellon) pensando che chi ha bisogno possa subire certe scelte! 

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.