Home / Società / VERDE PUBBLICO E VERDE PRIVATO…

VERDE PUBBLICO E VERDE PRIVATO…

VASI, PIANTE E FIORI CHE APPASSISCONO PERCHE’ TRASCURATI! E AL LORO POSTO REGNA IL DEGRADO!     

BICICLETTA SULL'AIUOLACosa ci sarebbe di male se i titolari di tanti negozi provvedessero, in mancanza di frequenti interventi da parte degli operatori ecologici, ad estirpare l’erba che cresce spontanea davanti ai loro esercizi commerciali, conferendo un aspetto disdicevole? E se chi mette le piante come ornamento, provvedesse ad annaffiarle? In questo ultimo caso, è piacevole assistere al degrado offerto da un locale pubblico in via Regis, accanto ad una banca, dove le piante secche occupano quasi tutto il marciapiede? Non ci sarebbe proprio nulla di male, ma se ci fossero dei controlli tendenti ad assicurare il decoro alla città, staremmo tutti meglio. Anche la nostra Milazzo! In tutto il centro sono state messe a dimora delle piantine attorno agli alberi di aranci, ed è auspicabile che proprio i commercianti, visto che siamo proprio in centro, provvedano ad annaffiarle. Il loro compito non deve finire lì: secondo me ci vorrebbero anche delle protezioni, per evitare che degli sbadati pedoni possano calpestarle. Può succedere, infatti! E allora cosa ci sarebbe di meglio dei fondi o dei laterali di cassette, quelle in legno, che non costano proprio nulla e che messe attorno al perimetro dell’aiuola aiuterebbero le piantine a superare l’impatto con un ambiente che loro stesse non conoscono? Un’altra cosa: sta prendendo moda a Milazzo uscire con la bici. Non so se sia dovuto al traffico cittadino, al costo della benzina, alla voglia di fare qualche pedalata e alzare, finalmente, il culo dall’auto, o è una semplice moda. Non esistono rastrelliere dove parcheggiarle, quindi per evitare di rivivere scene spiacevoli del neorealismo di De Sica molti legano le loro bici ai pali. Se non trovano pali, addirittura agli alberi, schiacciando le piantine. Non ci credete? Fate un giro nel centro urbano, e poi ditemi se non abbiamo ragione. Lo sappiamo che proprio la ragione è dei fessi… ma che ci volete fare? Proprio per questo vi mandiamo una foto… 

Rispondi