Home / Società / VIA NATALE PUGLISI, DOPO L’ASFALTO SI FORMA LA BUCA!

VIA NATALE PUGLISI, DOPO L’ASFALTO SI FORMA LA BUCA!

via puglisi

UNA PROTESTA IN DIALETTO SICILIANO (SIC!) CHE NON SAPPIAMO SE TRADURRE O LASCIARE COSI’ COME E’ STATA RACCOLTA! MA MEGLIO IL DIALETTO: RENDE PIU’ VIVA LA RABBIA DEI CITTADINI!

E’ doveroso premettere, prima della trascrizione della protesta raccolta dal nostro giornale, che con ordinanza dello scorso 2 ottobre era stata autorizzata la chiusura al traffico della Via Natale Puglisi, per la bitumatura; su un palo è ancora visibile l’avviso che vietava la sosta proprio per il 2 ottobre; la Ditta “Chiofalo costruzioni srl” di San Filippo del Mela ha regolarmente eseguito i lavori; la strada è diventata una Signora Strada. Ma ora??? Ecco la registrazione, senza alcuna traduzione, dello sfogo di alcuni passanti:

Ma vaddati com’a ridducèru dopu mancu ddù simani! Mancu ‘u tempu mi si rifridda l’asfattu ci dèsiru. Ancora mancu saravi collaudata. Sicuramenti mancu l’hannu pagata e vaddati chi sott’i cavenna chi ci cumbinaru ‘nto menzu da strata. ‘U poviru Puglisi, chi iera tantu cuntentu c’a strata cu so nomi era bedda e sistimata, a st’ura si giria ‘nta tomba e non si duna paci. Ma cù fu stù sciaguratu? Quali schifìu di motivu ci vinni pi scavari ‘ddu gran sott’e puttùsu?

– Iò ‘u vulissi ccà davanti… Ci darìa ‘na firriàta di cauciuni ‘nto culu finu c’avissa dumandari piddunu e s’avissa mettiri a ‘nginucchiuni a giustari stu gran guaiu.

– Ma quali giustari? Chista è ferita chi non si rimaggina ‘cchiù! ‘na vota chi l’asfattu si rumpi e si lazzarìa ‘nta dda manera non c’è cchiù nenti ‘i pigghiari. ‘U ponnu cazzuliari, cumbigghiari, schifiari, e si ci mèttunu cacchi carriulata d’asfattu, sarannu soddi pidduti e sempri ‘na cosa ripizzata è!

–  Ma d’undi ci vinni stu curaggiu di scassari a strata?

– Bbu dicu iò picchì ‘a scassaru? ‘a pèddita d’acqua appena finèru d’asfattari n’a vitti nuddu? Ccà si scuddaru cacchi cosa chi si putia fari prima d’asfattari. Oppuru si rumpiu cacchi tubu, scafazzatu ‘ccù dda gran sott’i machina asfattatrici.

– Mah… e ccù ci sapi leggiri ‘ntà sti catti!

– Iò vulissi sapiri si ci fù ‘na richiesta ‘o Comuni…; s’u Comuni desi l’autorizzazioni e si tutti cosi sunnu a postu. Fattu sta chi ora ‘a strata bella nova è ripizzàta. Comu si ti ccatti un vistitu novu, si strazza subbitu picchì ‘mpunti a cacchi patti, e ci fa mèttiri a pezza! Sempri ripizzatu resta! 

– Ora sti cosi chi succedunu… ma l’Assissuri i sapi? O ci cùntunu chiddu chi vonnu iddi?

– Avissi statu chi stamatina non ci passava ‘i ‘sta strata, ammenu non mi pigghiava sta gran sotta d’abbìli… Pacenza!                          

Fine sella registrazione. Ma i commenti si sprecano, eccome… E chissà quanto dureranno. Eppure, ci vorrebbe ben poco. O ci sbagliamo?

 

Rispondi