Home / Di tutto un pò / VIAGGIO SULL’ASSE VIARIO, 4^ puntata
Italpane

VIAGGIO SULL’ASSE VIARIO, 4^ puntata

9 nov, 2015 015-1-1

SIAMO ALLA QUARTA TAPPA, NON CAMBIA NULLA. VEDIAMO DOVE CI FERMEREMO OGGI. E CI SARA’ ANCHE UN TRAGUARDO VOLANTE!

La carovana procede compatta, ancora devono iniziare le salite che porteranno a sconvolgimenti in classifica generale. No, non è proprio questo che volevamo dire… Eccoci con la nuova tappa, passando dall’uscita San Paolino – Ponente e dirigendoci verso l’uscita successiva, Marconi. Proprio Marconi, non Sassomarconi,  che con Roncobilaccio costringe a rallentamenti paurosi. Ma lì siamo sull’A1, e dobbiamo temere neve, pioggia, grandine e burrasche. Qui si procede speditamente. Troppo speditamente. Marconi prende il nome da Piazza Marconi, dove c’era la vecchia stazione ferroviaria. Una denominazione insignificante, visto che proprio quella stazione non c’è più, e da lì si esce solo per raggiungere le abitazioni del popoloso rione di Ciantro, le case in cooperativa e il campo dedicato a don Peppino Cutropia. E visto che il cartello non è nelle migliori condizioni, che ne direste di proporre la sostituzione con uno nuovo, magari con la scritta CIANTRO? Le case in cooperativa, che riusciamo a vedere ma non vogliamo fotografare (ci ha pensato qualche lettore ad inviarci le foto per immortalare i cespugli che dall’asse viario hanno invaso i giardini…) sono un gioco di colori e di vita. Testimoniano lo spostamento in questa parte della periferia tagliata in maniera non certo rettilinea da questa striscia di asfalto che presenta anche delle traverse laterali. Sono le stradine che i privati hanno realizzato per giungere meglio nei loro terreni: non sono presegnalate, quindi potrebbe capitare che un veicolo possa sbucare improvvisamente ed immettersi sulla carreggiata. Non osiamo immaginare le conseguenze. Sollecitiamo la presegnalazione, e una freccia d’obbligo a cura dei proprietari dei fondi, per evitare che qualcuno, immettendosi sull’asse viario, possa percorrerlo in senso inverso di marcia. Non tutto, ovviamente, ma quel che basta per scontrarsi frontalmente con qualche veicolo ignaro lanciato a forte velocità… E’ tutto. Appuntamento alla prossima tappa. I traguardo volante? L’abbiamo passato da un pezzo… non ve ne siete accorti? A voi studio!

(fine della quarta puntata – continua) 

Rispondi