Home / Di tutto un pò / VINCENZO ANTONUCCIO PORTA L’ITALIA, LA SICILIA E MILAZZO NELLA FINALE MONDIALE!

VINCENZO ANTONUCCIO PORTA L’ITALIA, LA SICILIA E MILAZZO NELLA FINALE MONDIALE!

ALLA FINE HA VINTO L’AUSTRALIA. E la grande soddisfazione per l’Italia è stata quella di avere piazzato, per la prima volta, un suo partecipante nella TOP TEN mondiale. Vincenzo ANTONUCCIO, milazzese, figlio d’arte nel campo floreale (il papà Carmelo – Nuccio – è uno dei Maestri floreali più affermati e conosciuti al mondo…) si classifica all’ottavo posto, in coppia con Marilena Calbini.

Una finale non facile, fra i migliori rappresentanti di paesi come Cina, Giappone, Russia, dove la valutazione, la promozione, il passaggio del turno e la vittoria vengono decretati, il più delle volte, dalla posizione di un ramoscello, di una fogliolina, da una inclinazione o una curvatura nella composizione floreale stessa.

Milazzo può essere fiera di questa affermazione, perchè Vincenzo, che tiene alto il nome dell’Italia, è proprio di Milazzo, è siciliano doc, è la massima espressione dell’arte floreale italiana. La curiosità che aveva caratterizzato la sua partecipazione, fin dalla partenza per il Pennsylvania Convention Center di Filadelfia, dove si è svolta questa edizione di coppa del Mondo, era il ritorno di un ANTONUCCIO sul palcoscenico mondiale, a distanza di trent’anni, testimonianza indiscutibile di una scuola che da anni prepara non solo ad amare i fiori, ma anche a dar loro voce, vitalità, espressività, a mescolare colori, a realizzare composizioni da sogno.

Aspettiamo il rientro degli ANTONUCCIO (inutile dire che anche il Maestro Nuccio era a Filadelfia…) mentre noi festeggeremo Vincenzo nel corso della cerimonia di consegna del PREMIO TERMINAL 2019. Dopo otto anni, un altro ANTONUCCIO torna a fregiarsi del nostro premio, ricordando che nel corso della prima edizione lo stesso premio fu assegnato al padre.

Non ha la stessa risonanza della partecipazione alla coppa del Mondo, ma i corsi e ricorsi storici esaltano la nostra appartenenza alla comunità di questa città, della nostra terra siciliana, orgogliosa – ci auguriamo – di avere vissuto, nella lontana America, un’emozionante avventura grazie alla classe ed all’estro di un giovane del quale andare fieri. 

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.