Home / Di tutto un pò / WELCOME TO BORGO, TERRA DI NESSUNO!
Italpane

WELCOME TO BORGO, TERRA DI NESSUNO!

aiuola-smantellatabenvenuti-1APPARE UNA NUOVA SCRITTA SULLA CHIESA DELL’IMMACOLATA, GIUNTA A NOI ASSIEME AD ALTRE FOTO CHE DENUNCIANO IL DEGRADO DI UN POSTO INVIVIBILE PER I RESIDENTI. CHE NON SANNO PIU’ A CHI RIVOLGERSI PER ESSERE TUTELATI!

Riceviamo e pubblichiamo:

Vi inviamo alcune foto, che mostrano il degrado del Borgo. Non sono tante, ne abbiamo scattato solo una decina, ma pensiamo che possano bastare per fare rendere conto ai vostri lettori e ai milazzesi tutti che la situazione qui al Borgo è peggiorata negli ultimi mesi. bottiglie-1Assenza di controlli, giovani che scambiano gli angoli delle case per pisciatoi, vandalismo nei confronti dei beni comunali (i sedili, i marmi, le scale o le aiuole lo sono) e nessuno che pensa di rimettere ordine in questa terra di nessuno della quale vi siete occupati tante altre volte, senza tuttavia raggiungere quei risultati che possano dare sicurezza e legalità a noi residenti! Nonostante tutto, qualcuno ha pensato bene di scrivere sulla chiesa dell’Immacolata il suo benvenuto al Borgo, in inglese, bottiglie-3naturalmente: poichè le sporcizia, il degrado, lo schifo che subiamo impotenti devono essere letti in un linguaggio internazionale, con un WELCOME che è più che un saluto nei confronti di chi vuole arrivare al Borgo e fare i suoi porci comodi, magari venendo dall’estero. pilastrino-senza-marmoO fare giungere all’estero, grazie a internet, una frase che ha deturpato la facciata della chiesa, dimostrando chiaramente che qui da noi abbondano certi sporcaccioni che fanno bisboccia fino a notte fonda, tornano a casa ubriachi o drogati, e lasciano un indescrivibile porcile che, secondo noi, dovrebbero essere i titolari degli esercizi che si riempiono le tasche a ripulire, e non certamente noi cittadini della zona e gli altri che il Borgo nemmeno lo conoscono. Nonostante tutto dobbiamo sedile-scomparsosborsare la nostra quota per restituire decoro all’ambiente, senza che da parte delle forze dell’ordine si faccia nulla per evitare atti vandalici, altri contrari alla pubblica decenza (sesso sfrenato davanti al sagrato della chiesa, sulle panchine di Santo Rocco, nei vicoli e persino dietro le porte delle abitazioni di impauriti residenti che temono di uscire per non essere malmenati, cosa accaduta in passato!). Benvenuti al BORGO, terra di nessuno. Forse per questo chi non vuole vedere certi scempi evita di venire, lasciandoci scontare la nostra colpa di essere residenti in un luogo che un tempo era sede di casini!vuoti-a-perdereverde-intenso

2 commenti

  1. Bravi! La pubblicazione di questa lettera, con le relative foto del degrado, hanno messo il pepe in corpo a chi fino ad oggi ha fatto finta che tutto rientrasse nella normalità. Ora dai commenti su altri siti ci si accorge che la pulizia spetta ai gestori dei locali! E anche il Sindaco si è convinto che questo non è turismo, ma solo un aspetto deleterio che offende Milazzo. A quegli imprenditori che sbandierano la creazione del posto di lavoro, vorrei solo ricordare che il lavoro è tale solo se il dipendente è in regola, e non sfruttato o sottopagato!

  2. Finchè al borgo continueranno ad essere aperti locali che attirano solo gentaglia,è sicuro che lo stato delle cose non muterà,ma avrà sempre una china discendente verso un ulteriore degrado.Da residente,mi auguro che le cose possano cambiare,ma francamente mi rendo conto che non si vogliono mettere le briglie alla massacanaglia che deturpa ogni angolo di questo quartiere, che,grazie all’ottusità degli amministratori ed all’ingordigia di molti proprietari di immobili,è diventato una vera bolgia infernale. La riqualificazione passa attraverso la revoca di queste concessioni commerciali che consentono al malsano popolo della notte di riversarsi senza limiti,senza orari e con ogni sorta di azione delinquenziale,per le strade delle città.Via quindi i pub-discoteche con aperture non stop, ma si a seri ristoranti o strutture ricettive qualificate che possano mantenere un certo decoro all’ambiente. Ma sicuramente regolamentare l’accesso automobilistico ed il parcheggio solo ai residenti escludendolo categoricamente agli avventori che non hanno alcun titolo per invadere in maniera selvaggia ogni strada,trasformandola in bolgia con schiamazzi,musica, luridume,sesso,droghe ed alcol.Controlli e sanzioni severe,regolamentazioni restrittive e punitive contro coloro i quali credono di poter commettere di tutto e di più.Si chiede da ogni dove un turismo qualificato,rispettoso che possa garantire una buona economia a quanti lavorano seriamente a questo scopo,ma il perdurare di questo stato di cose sicuramente scoraggia quanti vogliono investire per far sì che ciò possa avverarsi. Liberateci da questo scempio e non fateci rimpiangere il tempo non molto lontano quando la maggior parte della vera gentaglia non conosceva il borgo o semplicemente se ne stava alla larga giudicandolo un posto poco raccomandabile.

Rispondi