Home / Eventi / XV Premio Nazionale Giorgio La Pira. Una perla di cultura per Milazzo.

XV Premio Nazionale Giorgio La Pira. Una perla di cultura per Milazzo.

Premio-Nazionale-Giorgio-La-PiraFRA I PREMIATI, IL NOSTRO ATTILIO ANDRIOLO.

Giorgio La Pira è stato un politico e docente italiano di alto spessore culturale. Nasce a Pozzallo in provincia di Ragusa nel 1904 e muore nel 1977 a Firenze, la città che lo ha visto all’opera dal 1961 al 1965 come primo cittadino di grandi qualità amministrative. La sua estrazione cattolico – cristiana parte proprio da Messina, la città dello stretto che lo ha visto prima studente e poi terziario domenicano, in un incontro eucaristico che si tramuta in bisogno di comunione e desiderio di consacrazione. Laurea in Giurisprudenza e Docente Universitario, l’on. Giorgio La Pira è stato anche al Parlamento Italiano nella Camera dei Deputati tra le fila della Democrazia Cristiana. Un percorso di vita che si svolge tra politica e sani principi religiosi e culturali. La Sicilia è orgogliosa di avere dato i natali a un personaggio così carismatico della storia italiana. E Messina, città che lo ha visto crescere dal punto di vista sociale e culturale, lo ricorda tutti gli anni con il premio al Lavoro, il cui tramite è la Sede Provinciale del Movimento Cristiano Lavoratori di Messina con il Circolo “G. La Pira” di Milazzo (Me). L’11 dicembre 2015, infatti, si svolgerà a Milazzo la XV Edizione dei Premi Nazionali “Giorgio La Pira “. Un evento culturale che ha lo scopo di premiare una personalità che sia stata in grado di illustrare la vita, le opere ed i pensieri di Giorgio La Pira, portandoci al recupero dei valori del cattolicesimo sociale, creando i presupposti per la rinascita del nostro Paese. In questa occasione saranno premiati coloro i quali si sono distinti nel mondo del lavoro, contribuendo a tenere alto il nome di Milazzo e la provincia di Messina, in Italia e nel mondo. Un intenso e dettagliato programma è dunque previsto per venerdì 11 dicembre a Milazzo. Si comincerà alle ore 10,00 presso la Sala Conferenze dell’ITTS “Ettore Majorana” con la “Mattinata di Studi su Giovani e Lavoro” che sarà introdotta da Stello Vadalà, Preside dell’Istituto Majorana. Continuerà poi l’assessore ai servizi culturali del Comune di Milazzo, Salvatore Presti, cui seguirà Carmelo Porcino, Presidente del Circolo M.C.L. “Giorgio La Pira” di Milazzo. Nino Giordano si occuperà di proiettare un documentario sulla vita di La Pira. Poi il Workshop “Il lavoro: le nuove prospettive dei giovani”, un dibattito che sarà coordinato da Elisa Furnari, segretario provinciale M.C.L. e Dani Baldaro, esperto politiche attive del lavoro. Alle ore 17,00 dello stesso giorno, è prevista la consegna degli ambiti premi “Giorgio La Pira città di Milazzo”, presso la sala consiliare del Comune mamertino. Il sindaco Giovanni Formica, Stefano Merlino, Consigliere Provinciale M.C.L. e Filippo Russo, Presidente della commissione e responsabile culturale del circolo “G. La Pira di Milazzo”, saranno presenti per i saluti. Poi, dopo la consegna dei premi al lavoro per la cultura, l’arte, l’industria e lo sport, ci saranno le conclusioni da parte di Fortunato Romano presidente regionale M.C.L. e Carlo Costalli, Presidente del premio e Presidente Nazionale del M.C.L. Insomma, un programma davvero ricco che profuma di cultura e fa vibrare di emozione. Per quanto riguarda i premi al lavoro, citiamo il Dr. Attilio Andriolo per il suo prezioso apporto di medico sportivo e Angela Salmeri, instancabile creatrice di quella meravigliosa e delicata arte che è la moda. Ma anche altri nomi illustri del mondo del lavoro di Milazzo e provincia di Messina, potranno inorgoglirsi giustamente di una gratificazione così importante dal punto di vista culturale, com’è appunto il “Premio G. La Pira”.
Ogni città racchiude in sé una vocazione e un mistero. Ognuna di esse è nel tempo un’immagine lontana, ma vera, della città eterna. Amatela, quindi, come si ama la casa comune destinata a noi e ai nostri figli. Custoditene le piazze, i giardini, le strade, le scuole; curatene con amore, sempre infiorandoli e illuminandoli, i tabernacoli della Madonna; fate che il volto di questa vostra città sia sempre sereno e pulito. Fate, soprattutto, di essa lo strumento efficace della vostra vita associata. Sentitevi, attraverso di essa, membri di una stessa famiglia; non vi siano tra voi divisioni essenziali che turbino la pace e l’amicizia: ma la pace, l’amicizia, la cristiana fraternità fioriscano in questa città come fiorisce l’ulivo a primavera.” (Un messaggio di pace di Giorgio La Pira, che partiva da Firenze e si diramava per tutte le città. Milazzo compresa).”
Salvino Cavallaro

Rispondi