Home / Un saluto agli amici... / PIETRO PAGANO, ma non era quello della scuola guida?

PIETRO PAGANO, ma non era quello della scuola guida?

PIETRO PAGANO…. IL NOME non è nuovo… Un necrologio senza fotografia non permette nemmeno di capire di chi si stia parlando, di sapere chi sia la persona andata via all’età di 75 anni. Ed allora si fa mente locale, chiedendo a chi si avvicina a leggere l’annuncio doloroso dato dalla moglie, dai figli, dai nipoti, dagli altri congiunti. Poi si legge anche la località: la chiesa è quella di San Francesco, a Milazzo, dove lunedì 25 aprile alle 9.30 verrà dato l’ultimo saluto; ma il cimitero presso il quale riposerà per sempre è quello di San Filippo del Mela…

La curiosità (perchè – diciamolo chiaramente – solo di questo si tratta) si fa forte. A tutti i costi si deve conoscere la persona il cui nome appare oggi sui muri di Milazzo. La curiosità, aggiungiamo noi, che diventa dolore quando al nome qualcuno associa i ricordi e la presenza a Milazzo di questo amico che ci ha lasciati qualche giorno dopo Pasqua e che tutti abbiamo conosciuto. PIETRO PAGANO, del quale siamo riusciti a recuperare una foto, era molto noto a Milazzo fin dai primi anni 60. E lo fu per decenni, anche se la maggior parte di noi, di quelli della mia generazione, non si era mai chiesto il suo nome: bastava la sigla della sua attività a permetterne l’individuazione! Negli anni della motorizzazione a tutti i costi, negli anni in cui grazie al miracolo economico l’Italia fu inondata di milioni e milioni di veicoli, cominciarono a nascere le scuolaguide! A Milazzo c’era Maio, e in tanti siamo andati lì per imparare a guidare e per ottenere il foglio rosa, raggiunti i diciotto anni, e successivamente la patente. Poi, aumentando la domanda, arrivò una nuova scuola guida, che non portava il nome del titolare: era una società, si chiamava TECNAUTO, e successivamente PANAUTO, accanto alla vecchia SALA DELLE ROSE e poi in via Risorgimento! Ecco, adesso cominciate a mettere in ordine i vostri ricordi; ed anche quella foto, non molto chiara, permette di rivedere, con parecchi anni in meno, con i lineamenti nitidi, con la sua caratteristica presenza, il PIETRO PAGANO che tutti abbiamo conosciuto, e che vedevamo sempre all’interno, in quella scuola che fu gestita dalla moglie! Un amico, per tutti. Ma anche una persona onesta, un grande lavoratore, che non si risparmiava: dipendente della Petrochemical negli anni dell’industrializzazione, quindi della Raffineria, si ritagliava il tempo, fuori dal lavoro aziendale, per offrire la sua professionalità, frutto di anni di passione e di sacrifici.

Lo stiamo ricordando in questo nostro saluto, l’amico Pietro Pagano. Stiamo integrando il necrologio apparso sui muri con qualche notizia, essenziale per capire chi fosse. Per soddisfare la curiosità, ma soprattutto per riaccendere qualche ricordo, e ce ne saranno tanti se lo abbiamo conosciuto, e recitare per lui, com’è giusto che sia, una preghiera: affinchè Iddio possa accoglierlo lassù, nel Suo regno. Da lassù Pietro PAGANO troverà ancora il tempo di spendersi per gli altri, e assistere i suoi cari, come solo un marito, un padre, un fratello, un nonno sa fare. Siamo certi che lo farà, come lo aveva sempre fatto; e come avrebbe continuato a farlo, se non fosse andato via per sempre.

ALLA FAMIGLIA DI PIETRO PAGANO PORGIAMO LE ESPRESSIONI DEL NOSTRO PIU’ SINCERO CORDOGLIO.

I suoi funerali saranno celebrati presso il Santuario di San Francesco di Paola alle ore 9.30 di lunedì 25 aprile. 

Commenti

1 Commento

  1. Persona stupenda me lo ricordo con molto affetto….gentile quasi un secondo papà….

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: