Home / Eventi / I RITI DELLA DOMENICA DELLE PALME

I RITI DELLA DOMENICA DELLE PALME

DOMENICA DELLE PALME: RITI IN CHIESA E VENDITE IN STRADA

Nonostante le restrizioni, anche nella città di Milazzo, diversamente dallo scorso anno sarà possibile recarsi in Chiesa e partecipare alle celebrazioni.

Previste le celebrazioni liturgiche in presenza, anche durante i giorni di “zona rossa” nazionale dal 3 aprile Sabato Santo al 5 aprile Lunedì dell’Angelo.

Restano vietate tutte le processioni e le devozioni che implichino assembramenti e movimento dei fedeli.

Le celebrazioni della Settimana Santa, secondo il calendario cattolico, iniziano nella giornata di domani 28 marzo, con la liturgia della Domenica delle Palme, detta anche Domenica “De Passione Domini” (della passione del Signore). In questa giornata si celebra l’ingresso trionfale di Gesù a Gerusalemme, dove la folla festante lo accolse in sella ad un asinello agitando rami di palma ed ulivo. Come la gran parte delle festività legate al culto cristiano, la celebrazione di questa solennità pasquale è particolarmente sentita dalla popolazione milazzese e dell’intera provincia. Le diverse manifestazioni si caratterizzano per la grande varietà che assumono nei vari centri dell’isola e nella comunità di Milazzo si rispettano gli elementi caratterizzanti di questa storica tradizione, nonostante i mutamenti sociali e culturali della troppa “modernità”dilagante.

I riti della Settimana Santa, durante la quale si ricordano gli ultimi giorni della vita terrena di Cristo, fino alla Resurrezione della Domenica di Pasqua, presentano in Sicilia una complessità di contenuti e di simbologie dovute ai numerosi influssi culturali che nei secoli hanno attraversato l’isola. Nelle celebrazioni popolari vi sono infatti riferimenti culturali appartenenti a un substrato religioso importante e alla memoria dei più antichi riti della tradizione mediterranea, ancora di più di quelli dello stesso cristianesimo.

Le indicazioni dell’ufficio liturgico diocesano per la Settimana Santa 2021 prevedono per i fedeli l’esortazione alla partecipazione in presenza alle celebrazioni eucaristiche nel rispetto dei decreti governativi riguardanti gli spostamenti sul territorio e delle misure precauzionali, e per domani Domenica delle Palme è vietata la consegna o scambio di palme e rami da mano a mano, mentre le parrocchie cittadine potranno provvedere alla distribuzione di rami d’ulivo o di palme, confezionati in bustine di plastica ermetiche, fino all’inizio delle funzioni religiose.

Al termine della S. Messa, l’usanza vuole che i fedeli portino a casa le palme ed i rametti di ulivo benedetti.

Nel centro di Milazzo continua ancora il tradizionale commercio in strada dei venditori ambulanti di palme pasquali e ramoscelli di ulivo in vista dell’imminente festività: un’usanza che nonostante la pandemia non perde il suo significato.

 

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.