Home / Cultura / Milazzo, sabato e domenica due eventi di particolare importanza nella Chiesa di S. Rocco

Milazzo, sabato e domenica due eventi di particolare importanza nella Chiesa di S. Rocco

Due eventi di particolare importanza si terranno nelle giornate di sabato 26 e domenica 27 giugno presso la chiesetta di S. Rocco a Milazzo: la presentazione di due tele che raffigurano il Beato Rosario Livatino e San Giuseppe Moscati. Sarà l’associazione degli alunni del Liceo Classico G.B. Impallomeni a organizzare la cerimonia, l’ultima in ordine di tempo di un ciclo di iniziative che hanno rivisto all’opera gli ex alunni della scuola milazzese, e che si svolgerà in due tempi: sabato 26, con inizio alle ore 18.30, dopo il saluto del Sindaco della città di Milazzo, dott. Giuseppe Midili, ci sarà la consegna della tela della Madonna della Lettera, protettrice della città di Messina e della Diocesi, da parte del presidente del Centro Interconfraternale Diocesano, Fortunato Marino, al dott. Santino Smedili, presidente dell’Associazione Provinciale Statistici della provincia di Messina e responsabile della Chiesa di S. Rocco.

Gli interventi del dott. Carmelo D’Agostino, coordinatore dell’Associazione Alunni del Liceo G.B. Impallomeni, del Prof. Salvatore Italiano, storico della Chiesa; del Prof. Nino Catanzaro, Diacono; di Don Sandro Messina, Sacerdote; del Dott. Luigi Fabrizio Mancuso, Magistrato e Dott.ssa Laura Romeo, Magistrato, Presidente ANM Distretto di Messina introdurranno la presentazione della tela del Giudice Rosario Livatino, vittima di un agguato mafioso e recentemente beatificato, dedicata al Magistrato milazzese Stefano Messina da parte dei figli Lucia, Vincenzo, Sandro e Francesco Saverio.

La serata si concluderà con la consegna di una copia della tela del Beato Rosario Livatino alla dott.ssa Laura Romeo, Presidente dell’ANM distretto di Messina.

Alle ore 11 di domenica 27 giugno si svolgerà la seconda parte dell’evento: dopo il saluto istituzionale agli invitati, sarà presentato il quadro CRISTO NELLA TEMPESTA, dall’originale di Rembrandt, realizzato dal pittore Salvo Castellese e donato alla chiesa per ricordare Giuseppe Tusa, morto nel crollo della torre VTS, Genova 7 maggio 2013. Dopo l’intervento del dott. Carmelo D’Agostino a nome dell’Associazione degli alunni del Liceo G.B. Impallomeni, toccherà al dott. Attilio Andriolo, Presidente Ass. Culturale TESEO, ricordare le figure dei due compagni di classe Pino Imbesi e Letizia Caravello, prematuramente scomparsi alcuni anni fa. Alla loro memoria gli alunni della scuola dedicano la tela IL CRISTO RISORTO, dall’originale di Sandro Botticelli. 

Sarà quindi presentata la tela raffigurante San Giuseppe Moscati, medico napoletano assurto alla gloria degli altari, dedicata ai medici ex alunni del Liceo G. B. Impallomeni non più con noi (citiamo Stefano Cartesio, Vincenzo Mondo, Franco Trio, Natino Di Bella, Antonino Formica, Masino Lo Presti e tantissimi altri…).

Due copie del dipinto saranno consegnate, a cura dell’associazione degli alunni della scuola, al prof. Gaetano Costa, responsabile del Centro Vaccinale dell’A.O. del Policlinico Universitario di Messina ed al dott. Edoardo Sgro, direttore dell’U.O. di Urologia abilitata al trapianto del Grande Ospedale Metropolitano di Reggio Calabria, come riconoscimento di alta professionalità e di spirito di sacrificio e di abnegazione al servizio del prossimo.

Le cerimonie – afferma il dott. D’Agostino, coordinatore dell’Associazione Alunni del Liceo Impallomeni – chiudono un ciclo di eventi che hanno puntato alla valorizzazione del patrimonio storico e artistico della nostra città e al tempo stesso rappresentano l’inizio di un impegno più costante sul territorio. La nostra associazione, alla quale aderiscono decine di ex alunni legati dallo spirito di appartenenza alla scuola voluta da padre Bonaventura, anche con diversi orientamenti politici, vuole essere al fianco di quanti amano questa città e proporrà altre iniziative nelle quali, nei vari settori, si riconosceranno in tanti. E da queste iniziative ne trarrà beneficio la città di Milazzo”.

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.