Home / AMBIENTE / MIRACOLO!!! Nella MILAZZO dopo il passaggio a livello, qualcuno si è accorto del degrado!

MIRACOLO!!! Nella MILAZZO dopo il passaggio a livello, qualcuno si è accorto del degrado!

In quella parte di MILAZZO dopo il passaggio a livello per decenni non si è ritenuto di intervenire, ed è stato un male! Se interventi ci sono stati, lo si è fatto solo per sprecare denaro, ma tanto! La stazione ferroviaria, ad esempio. Ma non è di quella che vogliamo parlare. Nell’ottica dello spreco a tutti i costi, fatto quando di soldi ce n’erano, e tanti, ecco la via dei Giardini; ed ecco cosa abbiamo scritto su TERMINAL qualche anno fa…

“Potrebbe essere un bel viale; la doppia alberatura lungo i marciapiedi potrebbe conferirgli questa qualifica, così però non è, né può esserlo fino a quando chi di dovere vorrà dedicargli l’attenzione che merita soprattutto perché abitato. … Lungo tutta la tratta (poco meno di un km) è abbandonato, sporco, talvolta zona di discarica di ogni sorta di suppellettili.

Il vialetto (chiamiamolo così, per renderlo importante) è abitato, con regolare numerazione civica con tanto di stemma comunale e indicazione della strada, che sopperisce alla mancanza di due targhe toponomastiche; ospita anche una bottega di frutta e verdura, un’attività florivivaistica, un tabacchino – cartoleria,  qualche villetta ed un complesso abitativo di recente costruzione

Dato per dovuto che in ogni angolo della città non possono esserci ricettacoli, zone neglette o altro, a maggior ragione che la zona e regolarmente abitata e frequentata, va curata e soprattutto va apposta la targa toponomastica, poiché non ci si deve cullare perché l’indicazione della via sia sotto il numero civico! Si aggiunge che la strada collega la SP per Olivarella con la strada del Ciantro e, quindi, anche il traffico si fa sentire.

Ma come se ciò non bastasse, la nota dolens, anzi dolentissima, sono i marciapiedi stretti già progettualmente ed impercorribili anche da parte di chi difficoltà motorie non ha. Esistono una serie di ostacoli sparpagliati, come in batteria, che si ripetono di venti metri in venti (circa) lungo tutta la tratta, costituiti da pali della illuminazione comunale; pali del telefono; pali di linee elettriche; e principalmente dagli alberi, quelli che avrebbero potuto dare alla strada la connotazione di Viale. Ostacoli, questi, che non sono a ridosso al muretto che bordeggia il marciapiedi lato interno, ma proprio al centro dello stesso come fosse stata una scelta originaria quella di impedire i transito. Foglie e sottobosco rigogliosissimo, che sporge fin sulla strada, impediscono anche ai i più prestanti di camminare sul marciapiedi per come sarebbe giusto. Figurarsi come potrebbe gente disgraziatamente costretta in carrozzina: no, tutti sulla strada che, peraltro, consente uno scorrimento veloce.  

Come al solito, si resta inermi in situazioni del genere che si ripeteranno a migliaia in tutta la città fino a quando non si realizzerà un servizio di ispezione, esplorazione del territorio che prevenga malumori ed allarmi. Diversamente saranno i cittadini che, fruitori di un servizio carente, faranno sentire le loro voci con le molteplici segnalazioni che leggiamo ogni giorno. Allora, però, quello appare un reclamo, un pretesto, un fastidio, forse pure subentra la vergogna per non aver fatto prima, un orgoglio ferito per essere stati anticipati  e conseguentemente la reazione di rabbia ed il lasciar correre. Noi speriamo sempre di NO! In quanto ai cattivi pensieri, è obbligatorio esporli e non tenerli dentro, giusto per evitare di roderci il fegato: se non c’era spazio sul marciapiede, perché sono stati piazzati gli alberi? Chi si doveva privilegiare nella fornitura?

Ma vale anche il caso contrario: se sono stati piazzati gli alberi, e dal palazzo ci si sono accorti che erano addossati al muretto perimetrale, chi ha avuto la bella idea di far costruire il marciapiede, per giunta intransitabile?

Per l’ennesima volta, il dubbio: ERA COSI’ CHE SI REGALAVANO I SOLDI DEI MILAZZESI?”

Ospitiamo la lettera che il consigliere comunale Damiano MAISANO ci ha trasmesso per opportuna conoscenza, e che volentieri pubblichiamo:

Al Sindaco del Comune di Milazzo
Al Presidente del Consiglio del Comune di Milazzo
protocollogenerale@pec.comune.milazzo.me.it


Oggetto: Interrogazione con risposta in aula sulle condizioni di degrado della via Dei Giardini.


Il sottoscritto Consigliere Comunale Damiano Maisano, nell’esercizio delle funzioni connesse al mandato elettorale, PREMESSO che molti cittadini quotidianamente segnalano criticità e la condizione di grave pericolo e degrado in cui versano molte strade della nostra città, una tra tutti “Via dei Giardini”; CONSIDERATO che la via dei Giardini è una strada molto transitata, di notevole importanza in quanto collega la frazione di Ciantro con la Via Antonio Gramsci ove risiedono molte famiglie ed insistono anche diverse attività commerciali; ACCERTATO che la suddetta via si presenta ad oggi in grave stato di abbandono e degrado con la presenza di rifiuti di ogni genere come riscontrabile dalla documentazione fotografica in allegato alla presente; RITENUTO che la situazione attuale è talmente grave che mette a serio rischio l’incolumità dei residenti e di quanti giornalmente vi transitano; RITENUTO che urge disporre un intervento di bonifica immediato della via dei Giardini e programmare il servizio in maniera da consentirne una costante pulizia per evitare che, nel corso di qualche settimana la situazione si ripresenti identica;
ACCERTATO che la suddetta via ad oggi è anche priva di un’adeguata
illuminazione, di segnaletica stradale e di un sistema di videosorveglianza;
INTERROGA il Sindaco per conoscere:
a) se sia intenzione dell’amministrazione disporre un intervento di bonifica e pulizia della Via dei Giardini ed in caso affermativo in che tempi;
b) con quale cadenza sia prevista, nel progetto di igiene urbana affidato alla CARUTER la pulizia della via Dei Giardini;
c) se è intendimento dell’amministrazione ed eventualmente in che tempi,
provvedere all’installazione di segnaletica stradale orizzontale e verticale;
d) se è intendimento dell’amministrazione rafforzare e sistemare nel breve termine l’illuminazione di tutta la via dei Giardini ;
e) se è intendimento dell’amministrazione installare nel breve termine un sistema di videosorveglianza nella via dei Giardini;
f) se è intendimento dell’amministrazione ed eventualmente in che tempi installare un efficiente impianto di illuminazione in tutta la Via dei Giardini;
CHIEDE che la presente interrogazione venga iscritta all’O.D.G. del prossimo Consiglio Comunale e che ad essa sia data risposta in aula.
Milazzo, li 27/03/2022

Il Consigliere Comunale
Damiano Maisano

COMMENTO. Non credo che il consigliere Maisano abbia letto la nostra denuncia del tempo, pubblicata su TERMINAL. Lo deduciamo dal fatto che ha chiesto tutto, ma non si è soffermato sullo spreco di denaro pubblico da noi ampiamente evidenziato. Non è l’unico caso: in via Tindaro La Rosa, prolungamento di via Tonnara che immette a Milazzo dalla riviera di levante, ci sono marciapiedi ridottissimi, con dei pali della pubblica illuminazione che riducono ulteriormente quei pochi centimetri a disposizione. Ovviamente i pedoni non possono transitare. Lì, grazie a Dio, non vengono depositati sacchetti di spazzatura, poichè nessuno vuole correre il rischio di disfarsi dei sacchetti, depositandoli senza essere visto: in un’arteria degradata, come la via dei Giardini, è facile farlo. Come dice un vecchio adagio di casa nostra, soldi chiamano soldi, e pidocchi chiamano pidocchi. Ossia, più sporcizia c’è, più ne mettiamo: è segno di inciviltà che fa coppia con la naturale vocazione di certi lordi nostrani contro i quali non è facile lottare! In via Tindaro La Rosa invece quel che più infastidisce, caro consigliere Maisano, è la presenza di un divieto permanente di sosta e di fermata, lungo tutto il lato destro, che mai nessuno ha osservato o ha fatto osservare! Fra l’altro, le auto approfittano dei pochi centimetri a disposizione del marciapiede per sostare con la parte laterale destra su di esso, quando potrebbero benissimo farlo senza incorrere in una sanzione MAI FATTA, se venissero realizzati appositi parcheggi – così come esistevano nel 1995 – adiacenti al marciapiede stesso! Per i residenti, ma anche per chi si reca alle isole Eolie e per chi utilizza i servizi esistenti nella zona! Che ne dice, consigliere Maisano? La facciamo questa richiesta? Secondo noi sono cose concrete, non castelli in aria, ci creda. Visto che in questa bellissima città le cose impossibili si fanno subito, e per i miracoli ci si sta attrezzando, non vorremmo che le cose semplici siano trascurate e non prese nemmeno in considerazione. Se vuole, fissi con la nostra redazione un incontro: avremo tante cose da farle vedere, a spasso per Milazzo. E crediamo che la sua passeggiata, con i nostri corrispondenti e i redattori, sarà ben salutata da chi, giornalmente, fa le sue segnalazioni o invia le foto! Il fatto di vedere un politico in giro a farsi carico di legittime richieste non passerebbe inosservato. Ci contiamo! 

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: