Home / Un saluto agli amici... / VINCENZO FIASCONARO: #QuestoSonoIo

VINCENZO FIASCONARO: #QuestoSonoIo

Chiamo potenza chi sa guardare bene anche se è notte fonda, chi cammina e non abbassa lo sguardo chi sa sorridere quando non c’è niente da ridere chi si prende gioco della vita ma gioca leale, senza trucchi, chi non molla mai la presa e chi sa quando mollarla, chiamo potenza il batti cinque e l’occhiolino ma l’occhiolino, solo quando rassicura e invita al coraggio. #QuestoSonoIo

Una descrizione di VINCENZO, fatta da lui stesso, sintetica e al tempo stesso esauriente, con cui offre la possibilità di conoscerlo anche a chi non lo ha mai conosciuto! E’ triste sentire la notizia che apre questo giorno di marzo, il 15, rimasto tragicamente famoso nella storia di Roma e della nostra civiltà! Il giorno in cui una congiura mise fine alla potenza ed alla vita di Giulio Cesare, e che ricordiamo per la frase pronunciata dallo stesso, rivolta al figlio Bruto: QUOQUE TU, BRUTE FILI MI… 

Ecco, questa è la frase che oggi noi potremmo pronunciare rivolta a questo figlio che ci lascia! Quoque tu? Anche tu? Perchè ci dai questo grande dolore? Perchè dai questo grande dolore a tuo padre, a tua madre? Dove era scritto che dovessi andartene per sempre? Dov’era scritto che il 15 marzo del 2022 avresti dovuto lasciare questa terra per vivere in un mondo che ti accoglierà per sempre? Non troviamo una risposta, carissimo Vincenzo; forse tu potresti darcela, un giorno, quando anche noi saremo chiamati e verremo a trovarti… Ho voluto ricordarti, Vincenzo, perchè sei stato un bravo ragazzo, uno dei miei primi collaboratori, un rilevatore statistico impegnato nel mio ufficio, nella nostra associazione! Hai lasciato un buon ricordo, in questo rapido passaggio: ti piangono gli amici, che hanno pregato per te, sperando in un tuo immediato ritorno. A nulla sono valse le loro preghiere, se è vero che tutto era stato già scritto! Le Idi di marzo ci hanno consegnato un altro amico per il quale piangere, Vincenzo! Non basteranno le lacrime se non saranno accompagnate da altre preghiere e dalla speranza che tu possa giungere lassù, al cospetto del Creatore, per essere accolto ed abbracciato da Lui nel Suo regno. Il viaggio è già cominciato, Vincenzo.

La foto che hai scelto lo scorso mese di agosto, con la frase “Fate attenzione a come vivete che il cuore si vede sempre”, è rimasta su facebook a testimoniare la tua presenza fra di noi, ed è un chiaro messaggio, come se tu sapessi di dover andare via. Guardavi il sole tramontare, sulla spiaggia di ponente, in quel giorno; guardavi l’immensità, pensando chissà a quante altre cose che oggi forse riusciamo a comprendere…

Addio, caro amico mio, pregheremo per te. E tu prega per i tuoi cari, che hanno bisogno di te. Un abbraccio!

IN QUESTO TRISTE MOMENTO SIAMO AFFETTUOSAMENTE VICINI ALLA FAMIGLIA DI VINCENZO FIASCONARO.

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: