Home / Di tutto un pò / CAZZATE GIORNALISTICHE, SOLO PER SCRIVERE QUALCOSA…

CAZZATE GIORNALISTICHE, SOLO PER SCRIVERE QUALCOSA…

UN TITOLO SU UN GIORNALE, CHE L’AMICO ATTILIO ANDRIOLO MI SOTTOPONE, PER STUZZICARMI E SENTIRE IL MIO PARERE… “I SICILIANI INVECCHIANO ED EMIGRANO, FRA POCHI ANNI L’ISOLA RISCHIA DI SVUOTARSI…”

Non ho letto l’articolo, caro Attilio, mi basta solo il titolo e le prime righe per evitare di arrabbiarmi! Non è la prima volta che la stampa enfatizza ed ingigantisce notizie prive di fondamento… e ricordo a me stesso che anche qualche anno fa aveva lanciato appelli allarmanti…
La popolazione italiana che, secondo quanto scritto, dovrebbe essere pari a 53 milioni di persone nel 2065 (fra cinquant’anni) era stata prevista per il 2020 pari a 48 milioni. Invece nel 2020 dovremmo essere attorno ai 60 milioni, anche se in tre anni possono accadere tante cose. Errore mastodontico, addirittura 12 milioni! Eravamo nel 1996, e ci trovavamo alla Conferenza di Statistica a Roma, presso l’Auditorium della Confindustria. Ero alla mia prima importante assise, in rappresentanza del Comune di Milazzo; e mi venne spontaneo chiedere se nel calcolo avessero considerato anche i FENOMENI SOCIALI, ossia le emigrazioni! Impossibile da valutare, mi rispose uno dei SOLONI della demografia internazionale. Scuotendo la testa pensai “Questo non capisce un cazzo… Se gli togli i dati numerici che ha a disposizione, quindi le NASCITE e le MORTI, non è in grado di prevedere un bel niente!”. E glielo feci notare, garbatamente!
Dal 1997 arrivano gli sbarchi dall’ex Jugoslavia, e negli anni successivi… beh, sono cose che sappiamo e abbiamo toccato con mano. Ora se ne rivengono a sparare minchiate… Lo sappiamo che i VECCHI sono destinati a morire, e senza ricambi la popolazione è destinata a decrescere… Ma nel 2001, in un libro pubblicato per conto del comune di Milazzo, scrissi che l’invecchiamento della popolazione avrebbe dovuto anche sollecitare di correre ai ripari in campo medico, prevedendo l’aumento di malattie neurodegenerative, come il Parkinson e l’Alzheimer e favorendo la specializzazione in geriatria…
Ma tornando alla popolazione del 2065 (noi saremo morti da un pezzo…): se in mezzo ci mettiamo anche un conflitto nucleare… altro che 53 milioni nel 2065. Sarebbe ora si smettere di scrivere cazzate solo per riempire pagine di giornali!!!!

 

Rispondi