Home / Sport / MILAZZO, a porte chiuse il SS CROCIFISSO

MILAZZO, a porte chiuse il SS CROCIFISSO

Le misure di contenimento del contagio non fermano il fervore mistico della Pasqua che anche quest’anno per i Frati Minori della parrocchia di S.Papino martire, continua oggi martedì 14, anche se a porte chiuse mediante collegamento dal web, con i tradizionali festeggiamenti solenni in onore del SS. Crocifisso, nell’antica ricorrenza del 222° Anniversario della prodigiosa e miracolosa Lacrimazione del simulacro, realizzato da Fra Umile da Petralia, avvenuta nel 15 aprile 1798.

Le limitazioni imposte non sminuiranno la passione e l’amore dei fedeli per questo sentito evento, purtroppo segnato dalla mancanza della sacra effige lignea seicentesca, che dal 7 agosto dello scorso anno è stata rimossa in seguito alle gravissime condizioni strutturali che ne avrebbero danneggiato il prezioso manufatto.

Si trova ancora nel laboratorio di Misilmeri (Pa), per il restauro conservativo affidato al prof. Gaetano Correnti che di concerto con la Soprintendenza dei Beni culturali consegnerà per fine ottobre questo patrimonio artistico nazionale finalmente recuperato, simbolo della storia per la città di Milazzo.

Il Parroco e Vicario Foraneo Fra Stefano Smedile, nel ricordare la concelebrazione delle 18 di stasera, rivolge un messaggio carico di emozione e spiritualità:  “Al termine della funzione, con il sacro reliquiario del fazzoletto che ha asciugato le lacrime del Redentore, dalla terrazza del convento imporrò l’Atto di affidamento della comunità al Cristo Risorto nei quattro lati che circoscrivono la città, proprio come i quattro nostri concittadini coinvolti nella pandemia per benedire loro e tutti noi verso la resurrezione”.

 
 
Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.