Home / Di tutto un pò / SCUOLA, MA LA MINISTRA LO SA CHE MANCA LA CARTA IGIENICA?
Italpane

SCUOLA, MA LA MINISTRA LO SA CHE MANCA LA CARTA IGIENICA?

genitori che pitturanoE NON SOLO QUELLA! SONO SEMPRE DI PIU’ I GENITORI CHE PROVVEDONO A COMPRARE TUTTO L’OCCORRENTE PER MANDARE AVANTI LA BARACCA!

Buona scuola un tubo! Sulla pelle dei docenti, costretti a lavorare da casa spesso fino a tarda sera, visto che ormai tutto è informatizzato! E costretti, loro malgrado, a non bocciare perchè queste sono le direttive. Perchè la validità di una scuola si misura dal numero dei promossi, cari 600 professori che avete scritto la lettera in cui avete reclamato, giustamente, il ritorno all’antico. Perchè per molti quello che viene chiesto, ossia l’insegnamento decente e non la produzione in serie di analfabeti e somari significa TORNARE ALL’ANTICO! 

Quale il ruolo delle famiglie in questa BUONA SCUOLA tanto sbandierata, per pura demagogia e per buttare fumo negli occhi? Quello di provvedere a portare la carta igienica da casa. Ma non solo quella! Manca il gesso, ma c’è la LIM, quindi se ne può fare a meno! Spesso occorre la ciabatta o una doppia presa per alimentare un pc. E con la colletta si compra la carta per le fotocopie, e il toner. Perchè ci sono costi che lo Stato non può sopportare, quindi bisogna attrezzarsi per far sì che la BUONA SCUOLA non sia una sonora porcheria! Ci sono scuole dove i genitori sono stati costretti (ma nessuno ha puntato lora una pistola…) a comprare anche i materiali per la pulizia. Costretti dalle circostanze, se non volevano che i loro figli frequentassero plessi scolastici o aule in pessime condizioni igieniche!

Meglio fermarci qui… Non stiamo esagerando, e lo sapete benissimo. Ognuno di voi può aggiungere quel che noi, volontariamente, abbiamo omesso. Spiegando a chi legge che non c’eravamo messi d’accordo prima. Ma è la squallida realtà di una scuola che, nelle premesse, dovrebbe essere BUONA, ma giorno dopo giorno si rivela pessima! In tutti i sensi. Ma l’importante è che tutti siano promossi. Anche chi emana direttive che offendono la cultura! 

Rispondi