Home / Un saluto agli amici... / MIMMO BARRESI, UNO DI NOI… UN ANNO DOPO
Italpane

MIMMO BARRESI, UNO DI NOI… UN ANNO DOPO

mimmo barresiTRADITO DAL MARE CHE AMAVA TANTO. ERA IL 23 SETTEMBRE 2015. OGGI, ALLE 17.45, A SANTA MARIA MAGGIORE, UNA MESSA PER RICORDARLO…

Mimmo Barresi veniva cullato dal mare, quella mattina del 23 settembre di un anno fa. Il mare lo aveva rapito, il mare lo aveva restituito ai suoi cari, subito dopo.

Non meritava di essere tradito dal mare che amava tanto, Mimmo, uno dei ragazzi della Sena, fratello di Enzo, di Maurizio, di Franca. Lui lo amava il mare, e negli anni quell’amore era diventato passione, che lo aveva avvinto e non gli dava tregua. E nonostante avesse 70 anni, continuava ad esplorarlo, per pescare polipi e frutti di mare. Un passatempo il suo, che gli è stato fatale quel giorno. 

Non sappiamo cosa sia successo quel 23 settembre di un anno fa: probabilmente un malore, perchè Mimmo aveva avuto problemi di salute; al punto che la sua famiglia gli aveva impedito di indossare la tuta subacquea, arrivando a nasconderla. Ma lui, testardo come tutti quelli della sua generazione, come tutti quelli nati e cresciuti nella Sena, non era mai domo. E avrebbe voluto continuare a sognare, a rimanere bambino, ad ammirare le bellezze del mondo sommerso; lui avrebbe preferito restare a contatto con il mare per sempre. Era contento quando riemergeva, e contento tornava a rituffarsi. Incurante delle condizioni climatiche, delle stagioni, dell’età, delle raccomandazioni dei suoi cari. Di tutto.

Era contento quando il mare lo cullava, quel giorno. Il suo viso era sereno, gli occhi chiusi. Mimmo continuava a sognare, mentre mani pietose lo portavano a riva e lo adagiavano all’ombra.

Lui non si era accorto di nulla; se si fosse svegliato, avrebbe guardato meravigliato quella gente attorno a lui. E rialzandosi, si sarebbe rituffato in quel mare che lui amava tanto, perdonandogli persino il suo tradimento.

Era il 23 settembre 2015. Una giornata di sole, ideale per scendere in acqua, vero Mimmo?

Ecco, Mimmo sorride, e annuisce. Anche se è l’ultima volta. 

Chissà se lassù, in quell’immensità, c’è anche un mare. Se ci dovesse essere, Mimmo si è già tuffato, per esplorarlo.

Perchè questa era la sua passione, il suo mondo. La sua vita…  

Stasera, alle 17.45, nella chiesa di Santa Maria Maggiore, si terrà una messa per ricordare l’amico Mimmo Barresi, scomparso il 23 settembre 2015.

 

1 Commento

  1. Riposino in pace almeno spero che abbiano trovato la pace, mentre tanti come me vanno lottando quotidianamente in questa vita che a volte è diventata insopportabile

Rispondi