Home / Società / VIABILITA’ A MILAZZO: ECCO COSA CI SCRIVE UN LETTORE
Italpane

VIABILITA’ A MILAZZO: ECCO COSA CI SCRIVE UN LETTORE

asse viario foto 9 gennaioUNA FOTO ED UN MESSAGGIO, TANTO ORMAI SI USA COSI’. E NOI DIAMO SPAZIO A TUTTI!

Caro Terminal, ho scattalo la foto mentre ero incolonnato con la mia auto, all’uscita forzata Porto, a Parco. Il tempo di scendere e risalire, pazienza: lea segnaletica va osservata, specie quando c’è di mezzo l’incolumità. Perchè ho scattato la foto che ti sto mandando adesso, nel pomeriggio? Per testimoniare, qualora ce ne fosse bisogno, che nonostante il divieto c’è chi preferisce trasgredire e infischiarsene. Mi chiedo a questo punto perchè non venga transennata la strada. Sapendo infatti che la mamma dei cretini è sempre incinta, cosa succederebbe se uno di questi TRASGRESSORI, per un motivo qualsiasi, volasse giù dal viadotto privo delle protezioni che, secondo quanto da voi pubblicato, non proteggono proprio nessuno? Così come si dovrebbe transennare, piuttosto che fare passare per cretini i vigili che stazionano nel porto, anche la via Siro Brigiano, all’altezza della via Giorgio Rizzo, dove poco fa, alle ore 15.37 per l’esattezza, un’auto è svoltata regolarmente a sinistra davanti agli occhi di chi, in divisa, stava lì, senza intervenire, e ha consentito che si gettasse ancora fango sull’intero Comando. Perchè di questo si tratta, caro Terminal: irridere tutta la categoria, se non si fa il proprio dovere; mentre chi fa il proprio dovere viene fatto oggetto di attacchi da parte di chi pensava di essere immune da qualsiasi verbalizzazione. Non so se questa foto, assieme al mio commento, servirà a chiarire le idee a qualcuno, ma ho detto solo quello che sento in giro e che io stesso condivido! Sono andato giù pesante? In caso scusami, ma l’ipocrisia non fa per me. In ogni caso, grazie per l’attenzione. Fai tu.

COMMENTO:

Diamo voce a chi non ce l’ha! Quindi andiamo con la pubblicazione. Guai a censurare chi scrive in assoluta libertà. Perderemmo noi stessi in credibilità, e i lettori, sempre più numerosi, ci volterebbero le spalle, e non avrebbero più fiducia nel nostro ruolo! Grazie a te, caro amico! Anche noi speriamo che qualcosa cambi… 

Rispondi