Home / Società / PISTA CICLABILE. MA QUESTA MACCHINA CHE CACCHIO FA?

PISTA CICLABILE. MA QUESTA MACCHINA CHE CACCHIO FA?

AUTO IN PISTA ICLABILENON E’ LA PRIMA, NON SARA’ NEMMENO L’ULTIMA, E QUALCUNO CI HA MANDATO LA FOTO…

Eccola, in bella mostra, a rompere le palle come siamo soliti fare. E’ un’autovettura, alla quale abbiamo volutamente oscurato la targa: ma le prossime foto le riporteranno le targhe delle auto di chi, in barba alle regole o alle innovazioni (condivisibili o meno) fanno di tutto per vanificare gli sforzi di chi amministra questa città. E’ la macchina di qualcuno che avrà avuto i suoi motivi per sostare sulla pista ciclabile nuova di zecca. Che cozzassero contro quelli della collettività, o di quel singolo ciclista che avrebbe voluto fare un giro su quella pista, non importa: a costui, oggi, interessava solo rompere i coglioni! Non vi create alcun problema per il nostro linguaggio colorito. Non ammettiamo giustificazioni al comportamento di costui o costei, nè accettiamo moralismi di chi volesse condannare le nostre solite parolacce! Ci sono regole, signori miei, imposte dall’amministrazione comunale. Giuste o sbagliate che siano, devono essere rispettate! Non sta a noi decidere di farlo come meglio crediamo: ogni ordinanza è contestabile seguendo determinati iter. Altrimenti, tacete. Oggi abbiamo visto un vigile contravvenzionare un’autovettura davanti al NADIR, in via Impallomeni, poichè impediva il transito ai veicoli in marcia verso Capo Milazzo. A lui e a tutti i Vigili diciamo BRAVI, continuate così: fate il vostro dovere, è l’unica cosa che vi permetterà, giornalmente, di andare fieri del vostro operato, di guardarvi tranquillamente allo specchio, di sorridere ai vostri figli, di non essere additati come coloro che rubano lo stipendio! Restituite dignità a questa città, che sembrava averla persa, eccome! Anche se i cittadini si lamentano che i segnali non funzionano, che si tratta di emerite porcherie, che secondo loro andava fatto così, e secondo quell’altro andava fatto in un altro modo, voi non dimenticate che rappresentate la legge! Qualcuno ha visto prima di voi quell’auto sulla pista ciclabile, e l’ha fotografata. Se l’aveste vista voi, avreste dovuto fare una foto di ben altro tipo. Senza se e senza ma… Poi, ma solo poi, quando le auto in sosta sulla corsia est del lungomare dovranno uscire dal parcheggio; quando le auto in transito saranno bloccate perchè in una sola corsia non si scorre visto che c’è sempre chi si ferma anche temporaneamente pensando di essere a casa sua; quando qualche mezzo della Polizia o dei Vigili del Fuoco, o un’ambulanza dovessero rimanere bloccate e impossibilitate a procedere, vanificando i soccorsi; quando, ma non ultimo, qualche ragazzino con la bici dovesse infilarsi sotto un’auto che viene dalla direzione opposta… fate la vostra relazione, signori Vigili Urbani. E spiegate come si vive sulla strada, in assenza di sicurezza per la circolazione. Veicolare e pedonale.  

1 Commento

  1. Bravissimi!
    Credo che la denuncia pubblica sia il modo di colpire certi comportamenti. Mi aspettavo che sarebbe successa una cosa del genere, è nel dna maleducato di chi crede di poter fare la qualunque senza pensare agli altri. Ed il linguaggio usato è il minimo sindacale di chi non ne può più. Bravissimo al vigile che ha multato fronte Nadir! Recuperiamo la città e ritroviamoci in un contesto sociale condiviso e condivisibile

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.