Home / Società / SECONDO VOI CHI E’ STATO MULTATO?
Italpane

SECONDO VOI CHI E’ STATO MULTATO?

ALIBRANDO 3UNA FILA DI AUTO, AUTOBUS E AUTOCARRI IN VIA COLOMBO… TUTTI MULTATI? NO… 

Una legittima protesta giunta alla nostra redazione da parte del proprietario del veicolo multato. Le foto mostrano chiaramente che sul lato destro della strada, nel  senso di marcia, sono fermi diversi veicoli. La cosa non sarebbe possibile, poichè c’è un divieto che va rispettato, ma da anni il segnale è lì, e i veicoli anche! E non è mai successo niente! Stamattina è successo l’irreparabile, e il vigile di servizio ha messo mano al bollettario ed ha cominciato a scrivere. ALIBRANDO 2Ma non a tutti: solo agli autobus, che fra l’altro, secondo quanto ci è stato detto, sono gli unici autorizzati a fare scendere i passeggeri che proprio oggi erano diretti al Trifiletti, e l’autorizzazione tiene conto proprio del servizio per il teatro. Si trattava di oltre 150 studenti della scuola Media Zirilli. Inutile dire che il proprietario dei mezzi farà le sue rimostranze, e chiederà conto del perchè il pugno di ferro sia stato adoperato solo nei suoi confronti. E’ probabile che gli autobus intralciassero la circolazione, ma l’autocarro in sosta davanti a loro no? ALIBRANDO 1Saremmo curiosi di seguire la vicenda e di sapere come finirà… Ma ci viene da chiedere: tutti gli autobus che sostano in via dei Mille, e giornalmente intralciano il traffico (con documentazioni fotografiche pubblicate su questo stesso giornale) mettendo altresì in pericolo la vita dei passeggeri che si accalcano per salire mentre essi stessi effettuano le manovre, sono stati mai multati?  

3 commenti

  1. Rimettete i vigili a 6 ore e tutti i giorni. La città sta vivendo un periodo di anarchia veicolare. Come può un vigile in 3 o 4 ore lavorare bene??? Neanche il tempo che inizia a mettere mano che già va via……

  2. A volte racconto gli episodi di assoluta carenza operativa della città nei controlli e nella vigilanza e le persone pensano che abiti a Napoli (non me ne vogliano i napoletani). Probabilmente perché Napoli è vista come la città colorata ed anarchica per eccellenza, dove l’abuso veicolare ed i comportamenti fuori codice sono quotidianità. Onestamente Milazzo sembra essere piombata in un buco nero dal quale vediamo ogni giorno allontanarsi la luce….un puntino distante, come quelli che lasciavano sullo schermo i televisori degni anni 60/70. Di situazioni simili ne vediamo ogni giorno ed ogni giorno i cittadini con la rabbia repressa per i mille problemi segnalano a questa redazione che, con spirito di servizio ed incazzatura anche loro, pubblicano. Ma è mai possibile che si debba sottostare alla legge del furbo? Possibile che devi avere la faccia di c….., per pensare di vivere in una città che non è mai, mai, mai, mai stata così malmessa?
    Mi si perdoni lo sfogo ma il sindaco dove vive? Perché tutti quelli che entrano in comune danno la sensazione immediata e palpabile di vivere nella turris eburnea di scolastica memoria? senza che il palazzo possegga la purezza e la saldezza che la torre di avorio citata regalava. Ormai giri a piedi perché in auto è una babele, se sei costretto a prendere la macchina per necessità (non sempre puoi lavorare in città e devi per forza salire in auto), maledici il momento in cui sei dovuto salire in macchina. E ti giri intorno spaesato e non vedi vigili e se li vedi sorvolano sui problemi (come a Napoli si girano incazzati se gli segnali un abuso), oppure sfrecciano in auto, facendo gimcane tra infrazioni e parcheggi in doppia fila, se va bene. Una città non merita questo, nessun cittadino, nemmeno il più misero, merita un trattamento simile. Se il frutto delle elezioni ha partorito questo aborto amministrativo che facessero venire un commissario e proviamo a regolare meglio la macchina anchilosata della città. Ci son problemi di soldi? Benissimo comprate o noleggiate 50 parchimetri e vi pagherete anche gli straordinari. Basta appalti a cooperative che non servono a nulla. Basta favori e occhi chiusi, basta,basta basta! Mio nonno, milazzese doc, amava raccontarmi di una città che era nata da un capriccio di Dio, e che per la sua bellezza aveva deciso di nasconderla al mondo ed agli uomini, abitandola. Dopo 50 e passa anni, comincio a capire le sue parole.

  3. Le visualizzazioni sono di gran lunga superiori a quelle che vedete registrate: diverse migliaia addirittura! Non è la prima volta che questo sito nasconde i veri NUMERI, penalizzando sia l’articolo messo in rete che il giornale! A fronte di numeri bassi, ognuno pensa che il pezzo sia scadente o di poco interesse. Quindi fa a meno di leggerlo! Nulla di tutto questo! Vi consiglio di leggere INDIPENDENTEMENTE dalla cifra TAROCCATA chissà da chi e per quale motivo! Grazie. Il Direttore Editoriale

Rispondi